Lettere da Losanna

Lettere da Losanna

Lingua originale: francese
Traduzione di Luisa Obinu, Roberta Magi, Mariagrazia Paturzo
Note introduttive di Daria Galateria, Daniela De Agostini, Mariagrazia Paturzo

Una grande scrittrice del Settecento, che inventava il romanzo moderno. «Le ragioni dei tormenti delle passioni, le sole degne di romanzo, contro l'opacità dell'appagamento» (Daria Galateria).

«Non conosco nulla che dia più pena del vostro modo di cominciare senza finire» diceva Mme De Staël alla ormai anziana Isabelle de Charriere. La signora del romanticismo francese non concepiva, nei romanzi epistolari di Belle, il loro esaurirsi come si esaurisce normalmente una giornata, senza un finale tragico o felice. Sfuggiva la loro modernità, ossia, come spiega Daria Galateria nella Nota, il loro opporre «le ragioni dei tormenti della passione, gli unici degni di racconto, contro l'opacità dell'appagamento». Furono scritti tra il 1784 e il 1787 da uno di quei talenti femminili straordinari che resero miracoloso il Settecento. Dei quali non si sa se privilegiare, contemplandone lo spirito, la sensibilità da chiaroveggente dei rapporti umani che sa quando sorprendere col detto e quando lasciare in sospeso col non detto, se l'intelletto anatomistico che fa riflettere un'intera tempesta in un incidente impercettibile, oppure la ironica consapevolezza dei propri doveri femminili chiamati a governare razionalmente il reame della stupidità umana. Il loro tema è la vita difficile e pericolosa dell'amore femminile in mezzo alle convenzioni del conformismo. Nel primo, Lettere da Losanna, una madre racconta senza enfasi a una cugina del lavoro instancabile di decifrazione in cui consiste la mondanità per maritare un figlia. Il secondo, inizia dove il tradizionale romanzo femminile finisce: Mistriss Henley, sposata a un uomo perfetto, racconta a un'amica il modo in cui tutte le speranze ineffabilmente e con le migliori intenzioni muoiono. Il terzo è un triangolo isoscele, tra una sartina, un apprendista commerciale e una nobildonna: una serie di eventi, e la forza invincibile della gioventù, li unisce in un legame d'affetti che sembra irrevocabile.

Autore

Isabelle de Charrière (Utrecht, 1740 - Neuchâtel, 1805) nata van Zuylen, una delle famiglie più nobili di Olanda, bellissima come dimostra il ritratto che le fece nel 1766 La Tour, nonostante la sua popolarità nei salotti colti e mondani, sposò un tranquillo precettore svizzero, con cui si impianterà nei pressi di Neuchâtel, dove visse dedicandosi alla scrittura e alla corrispondenza.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy