Lettere

Lettere

Lingua originale: tedesco
Traduzione di Luca Crescenzi, Daria Galateria
Titolo originale: Briefe der Herzogin Elisabeth Charlotte von Orléans
A cura di Daria Galateria

Tra pulci, medici incapaci, credenze popolari, incesti, carestie, ambizioni, gioielli maschili, feste, libri e commedie, rianimando la Grande Galleria di Versailles, la Palatina rappresenta tutto il Grand Siécle, quando la posizione dei commensali e la forma di uno sgabello traducevano la politica e significavano il potere, la pace, la guerra.

«Madame scriveva, come al solito». È una delle pochissime - non più di tre o quattro - note che il grande memorialista Saint-Simon dedica alla principesse Palatina, seconda moglie del fratello di Luigi XIV e madre di Filippo d'Orléans, il Reggente di Francia. E in effetti, Elisabeth-Charlotte, si sarebbe detta una provinciale sperduta alla Gran Corte, fin nel nomignolo che portava «Liselotte». Quasi sempre in disgrazia, odiata dalla vera padrona di Francia, la Maintenon, non bella, fuori moda, riservata e in ombra tranne che per clamorose sortite, abbarbicata a un'etichetta antica e legata da invincibile nostalgia alla Germania da cui veniva; la si notava solo per l'instancabile vizio e rifugio: scrivere, fino a venti lettere al giorno. Di esse, una prima raccolta si fece un anno prima della Rivoluzione e, dopo due secoli e numerose edizioni, se ne continuano a scoprire. «Questa prima edizione italiana ha cercato di rispettare la sovrana indifferenza della principessa per i vincoli della sintassi; la scelta delle lettere ha privilegiato le scene di vita quotidiana a corte e a Parigi, una specie di pendant, nel privato, della Versailles di Saint-Simon», scrive Daria Galateria nella nota a questo volume da lei curato. «Tra pulci, medici incapaci, credenze popolari, incesti, carestie, ambizioni, gioielli maschili, feste, libri e commedie, rianimando la Grande Galleria di Versailles, la Palatina rappresenta tutto il Grand Siécle, quando la posizione dei commensali e la forma di uno sgabello traducevano la politica e significavano il potere, la pace, la guerra. E così, a dispetto di tutte le pensioni pagate dal Re per avere una storia di Francia, il suo secolo fu segretamente raccontato dalla Palatina e da Saint-Simon, al centro degli avvenimenti e intimamente in disparte; conservando del mondo di inizio secolo la grande libertà della scrittura barocca, che accumula i generi e gli stili, confonde il tragico e il comico, osserva gli abiti dei grandi e il colore del popolo, e non si ferma di fronte a nessuna parola».

1988

La memoria n. 172

200 pagine

EAN 9788838904714

Non disponibile

Autore

Elisabeth-Charlotte, principessa Palatina, moglie del Duca d'Orléans, visse tra gli intrighi della corte di Luigi XIV.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy