Il libro di Tersite

Il libro di Tersite

Nota di Luciano Canfora

Un insieme di riflessioni, invenzioni, ricordi, saggi umanistici: un'osservazione attenta espressa in figure di grande chiarezza, e filtrata attraverso i modelli morali e poetici del mondo greco-romano.

In un treno fermo, di notte, alla stazione di Milano, in tempo di guerra. «Uno, da un angolo, con una lampadina s'illuminava il giornale. Poi prese a parlare col vicino. Diceva: - Io sono comunista fascista. - Ma lei è un bolscevico, non è un italiano! Abbia almeno il pudore di stare zitto, altrimenti sono capace di farla arrestare io. Ha capito? - Intervenne la voce accorata di un terzo, che stava di fronte: - Calma signori, calma per carità. Siamo tutti italiani, un po' di pace almeno allo scuro...». Uno degli otto viaggiatori, nel microcosmo dello scompartimento, era Concetto Marchesi, in fuga da Padova ai primi di dicembre del 1943, e certo non in vena di confessioni politiche. Quell'esperienza si traduce in un racconto, La bisaccia di Cratete, appena velatamente autobiografico: dalle origini siciliane, dominate dalla figura di don Tommaso Ardizzone, prete ribelle, maestro indimenticabile, ossuto, implacabile, fino all'esilio, sopraggiunto in vecchiaia, nel momento più buio della lunga notte del '43. Concetto Marchesi fu prosatore felice. E lo era stato sin dagli anni remoti del sodalizio con Angelo Formiggini, l'editore modenese suicida per protesta contro le leggi razziali del fascismo. Per Formiggini per la fortunata sua collana «Simpaticissima», pensata per i frequentatori delle stazioni e dei treni, aveva scritto, nel 1919, questo Libro di Tersite: il «libro della mia vita» come lo definiva anni dopo, da cui traspare forse la parte più gelosamente privata della sua vicenda umana. Luciano Canfora

1993

La memoria n. 281

224 pagine

EAN 9788838909436

Non disponibile

Autore

Concetto Marchesi (Catania, 1878-Roma, 1957) ha scritto la più efficace e diffusa Storia della letteratura latina che sia mai apparsa in Italia, un libro che ha un suo posto di rilievo nella cultura italiana del Novecento. Oltre che storico della cultura latina e filologo (editore critico di Arnobio), fu scrittore cristallino (lI libro di Tersite, Il cane di terracotta, Divagazioni, Voci di antichi).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy