Luisa Sanfelice e la congiura dei Baccher

Luisa Sanfelice e la congiura dei Baccher

Nota di Beppe Benvenuto

«Croce è uno dei prosatori più nitidi ed esatti, più avvincenti, più acuti ed arguti del nostro secolo» (Leonardo Sciascia). L'inchiesta storica sull'inquieto e controverso personaggio della rivoluzione napoletana: eroina, vittima innocente, casuale comparsa di una scena troppo grande?

«Croce è uno dei prosatori più nitidi ed esatti, più avvincenti, più acuti ed arguti del nostro secolo. Da ritrovare, da riscoprire, da godere» scriveva Sciascia presentando una cronaca crociana della Napoli del Seicento. E quanto sia veramente da godere, lo si avverte leggendo con qual gusto egli registra la risposta, forse aneddotica, che diede un buon medico che cercava di strappare Luisa Sanfelice alla forca in cui il feroce giustiziere la voleva affrettare: «Sentite consigliere; se c'è persona, che meriti la forca, siete voi. Pure, vedete, se voi foste condannato a morte e diceste d'essere gravido, io l'attesterei». Frase troppo bella, troppo napoletana, per essere vera, ma che Croce registra a causa della sua sapidità destinata a dar piacere al lettore. Giusta la sentenza di Sciascia, leggendo questa cronaca sulla eroina della rivoluzione del 1799, quasi si capisce che oltre l'evento storico e il riportarlo in tutta la sua verità, incerta per l'aura di leggenda intorno, gli interessa il mezzo attraverso cui renderla: il racconto, il narrato della storia, l'intreccio, l'atmosfera. Luisa Sanfelice - che nell'anno della rivoluzione Partenopea sventò una cospirazione sanfedista e reazionaria contro i repubblicani, e per questo fu prima «madre della patria» (le virgolette sono di Croce) poi, col ritorno del re, arrestata condannata e giustiziata, nel lamento della pietà comune, e nonostante «la congiura del buon cuore a Napoli si era stretta a favore della sventurata donna» - è vista dal Croce come una donna «di poca testa» e debole, sposa sfortunata, innocente dell'accusa di repubblicanesimo, vittima del «fato di bella giovane donna, rea di amore o per amore». E la sua vicenda è raccontata con una scrittura tenace, ironica, in sapiente delizioso indimenticabile crescendo narrativo: il fatto, i dubbi, l'avventura, l'attesa del compiersi fatale, l'ambientazione e il mormorio del mondo, gli aneddoti, la viltà, la ferocia e l'orrore finale.

Autore

Benedetto Croce (1866-1952) pubblicò questa cronaca erudita e letteraria sulla «Rassegna pugliese» di Trani, nel 1888; successivamente fu inserita nella celebre raccolta di saggi su La rivoluzione napoletana del 1799 uscita in prima edizione per la Loescher nel 1897.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy