La lunga marcia

La lunga marcia

Nota di Beppe Benvenuto

Un grande libro di Gian Carlo Fusco, il giornalista e scrittore che ha avuto la capacità di ritrarre magistralmente l'Italia del secondo Novecento: la cronaca della micidiale campagna di Russia.

Scrivere delle miriadi di episodi microscopici che fanno una battaglia, senza cadere nell'elencazione futile; suscitare l'omaggio per il gesto eroico, il sentimento di deprecazione per l'inumanità e la viltà, senza varcare il confine della retorica; illustrare, senza noia, la questione tecnica e strategica per non perdere la visione di insieme; restare dentro l'universo ristretto della guerra e dentro la sua logica tremenda, mantenendo la distanza critica dal cinico bellicismo: è l'arte rara e preziosa della cronaca di guerra. Gian Carlo Fusco la possedeva magnificamente. Le sue cronache di guerra - il precedente Guerra d'Albania e questo La lunga marcia sulla micidiale campagna di Russia - sono documenti e racconti, avventurosi e storicamente veritieri, commoventi e divertenti, necessari alla memoria e avvincenti. Negli anni Sessanta, quando furono scritti, crearono un vero genere letterario, durato in Italia quanto la vena, ardita e anticonformista, del suo creatore. In parte era il gusto per la lealtà maschile e per l'etica dei duri; in parte la capacità di scrittura raffinatissima e facile, senza mai una levitazione magniloquente o una caduta scurrile; in parte la sua competenza in quella che una volta si chiamava «critica di guerra»; in parte era la convinzione, derivata dalla sua personale esperienza della dittatura e della guerra: che fosse il fascismo, la mediocrità e la scarsa moralità dei suoi capi, il principale responsabile della fama disonorevole degli italiani in guerra, tenuti come privi di amor di patria e inclini alla fellonia. Ma soprattutto l'inconfondibile senso di umanità che attraversa ogni pagina di Fusco, amaro ironico e indulgente, sempre consapevole di essere un osservatore divertito di cose destinate a passare veloci: tutte tranne le crudeltà. «Attraverso le cronache del disastro delle nostre truppe nelle inospitali terre del socialismo reale - scrive Beppe Benvenuto nella Nota critica e biografica -, e soprattutto nel racconto delle "tormentose avanzate d'arretramento", Gian Carlo dà il meglio mescolando cronache militari di una campagna impossibile, quadri viventi e intensi di singoli spezzoni di guerra, grande politica e inarrestabile disfacimento del fascismo e del suo Duce».

2004

La memoria n. 603

200 pagine

EAN 9788838919497

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Gian Carlo Fusco (La Spezia, 1915-Roma, 1984), scrittore e giornalista (al «Mondo», «Europeo», «Giorno», «Cronache»), durante la sua vita ha praticato mestieri di ogni tipo, alcuni forse immaginari (dal boy al boxeur, al duro, all'attore cinematografico). Ha scritto tra l'altro, Duri a Marsiglia e una rievocazione del mondo delle case chiuse, Quando l'Italia tollerava (ripubblicato nel 1995). Questa casa editrice ha pubblicato Le rose del ventennio (2000), Guerra d'Albania (2001), L'Italia al dente (2002), Gli indesiderabili (2003), La lunga marcia (2004), A Roma con Bubù (2005), Mussolini e le donne (2006) e Papa Giovanni (2006).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy