I Maestri di Gibellina

I Maestri di Gibellina

Il 15 gennaio 1968 un terremoto distruggeva decine di centri della valle del Belìce,tra i quali Gibellina. Questo libro inchiesta ripercorre la straordinaria storia di una ricostruzione, l’incontro tra artisti e maestri d’arte, il lavoro nelle officine che realizzarono le opere progettate da scultori e pittori. E insieme, racconta l’utopia di una città nuova.

Ricostruire Gibellina, il paese distrutto dal terremoto del 1968 e ricoperto dal bianco cemento poroso del Cretto di Burri, ricollocarlo a venti chilometri dall’antico sito con l’apporto clamoroso dei più grandi artisti del momento, non fu soltanto un esperimento urbanistico del razionalismo architettonico. Nella notte tra il 14 e il 15 di gennaio del 1968, il paese s’era addormentato nel feudalesimo – scrive Davide Camarrone – per svegliarsi nell’età contemporanea. Il terremoto aveva distrutto con le case e con i lutti anche un passato di miseria e di emigrazione e questo doveva essere superato o poteva ripetersi in altre forme.
Dunque l’esperimento del popolo di Gibellina, la sfida che fu chiamato a reggere non volle essere quella della semplice riedificazione, ma quella della ricostruzione della speranza negata: «ricostruire la memoria del futuro e non la memoria del passato» imprigionando il passato con tutta la sua poesia e con tutta la miseria nel Cretto di Burri. Perciò Ludovico Corrao, il coraggioso sindaco, chiamò, più che le ruspe i piani urbanistici e le speculazioni, artisti da tutto il mondo per erigere un paese in cui il linguaggio evocativo della tradizione fosse sostituito dal linguaggio suscitatore di opere nuove dell’arte attuale. Fare di Gibellina, attraverso la presenza fisica dell’arte a ogni angolo di strada, un centro pulsante di creazione e di cultura. E non per consolare con la bellezza. Ma per spingere a nuove attività il vecchio sapere delle mani dei contadini e degli artigiani. Fu questo l’esperimento.
A Gibellina questo libro inchiesta torna per tentare un bilancio e tracciare una storia della ricostruzione dal punto di vista dei cittadini. Nella rievocazione del fervore di quegli anni si ritrovano i protagonisti di allora, per sentire la loro parola. I fabbri e gli scalpellini che trasformarono i progetti dei maestri in oggetti di pietra e metallo da piazzare per le strade; le donne che riimpararono l’arte dei prisènti da svolgere nelle processioni; i ceramisti che tentarono un nuovo artigianato; gli attori e i registi del teatro delle Orestiadi, i critici del Museo d’arte moderna, che lavorarono per fare di Gibellina un centro internazionale di cultura.
Stabilire se sia o no riuscito l’esperimento, questo non è tra gli scopi della presente inchiesta. Ma documentare di un’atmosfera, dar conto di uno spirito.

2011

La nuova diagonale n. 89

120 pagine

EAN 9788838925054

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Davide Camarrone (Palermo, 1966) è giornalista della Rai a Palermo, e autore di romanzi, testi teatrali e saggi. Ha scritto il soggetto e la sceneggiatura di «Ce ne ricorderemo di questo pianeta», un docudrama dedicato a Leonardo Sciascia. Con questa casa editrice ha pubblicato Lorenza e il commissario (2006), Questo è un uomo (2009), I Maestri di Gibellina (2011), L'ultima indagine del Commissario (2013) e Lampaduza (2014).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy