Memorie sui miei fratelli

Memorie sui miei fratelli

Lingua originale: francese
Traduzione di Roberta Ferrara
Titolo originale: Mémoires de Charlotte Robespierre sur ses deux frères
A cura di Daria Galateria

Egualitario, sanguinario, incorruttibile... L'uomo Robespierre raccontato dalla sorella Charlotte trent'anni dopo la morte del cittadino.

Agli inizi degli anni Sessanta, un dramma di Federico Zardi, I giacobini, portò Robespierre in televisione. Lo sceneggiato si concludeva con la decapitazione e una bambina, sotto la ghigliottina, che significativamente sconosceva il significato delle parole «signori» e «padroni»: Robespierre egualitario inflessibile. Fino allora, l'opinione comune su Robespierre era probabilmente rappresentata dalle illustrazioni dei sussidiari delle elementari, i vari dipinti caricatura contro cui Charlotte in questi mémoires si rivolta: un ghigno rozzo e maniacale: Robespierre il sanguinario. In anni recentissimi, il regista Wajda ha fatto di Robespierre il nemico di Danton sulla scena del dramma della rivoluzione come dramma dello scontro tra la Virtù ascetica e l'Umanità viva: Robespierre l'incorruttibile. Nei trent'anni di questa epoca culturale, molte volte Robespierre è uscito dai libri di storia per tornare ad essere giudicato come un contemporaneo. Le memorie della sorella Charlotte scritte a più di trenta anni dalla morte di Maximilien, sono una difesa appassionata e un ritratto, e il loro essere una difesa maldestra è un pregio non minore dell'essere uno splendido ritratto: serve il ritratto, l'uomo, oggi che Robespierre torna, una volta di più, contemporaneo. E serve anche a capire se giudichiamo in lui l'Egualitario, il Sanguinario, o l'Incorruttibile. Oppure la tremenda indissolubilità delle tre cose, di cui è destinato a sembrare prova rotonda.

1989

La memoria n. 197

148 pagine

EAN 9788838905520

2ª edizione

Non disponibile

Autore

Sorella di Maximilen Robespierre, Charlotte, nata ad Arres nel 1763, fu allevata in convento a Tournay. Quando entrambi i suoi fratelli furono eletti alla Convention, si trasferì a Parigi. Dopo il 9 Termidoro 1794, giorno in cui Robespierre veniva ghigliottinato, venne imprigionata per qualche tempo. Dopo la sua liberazione il Direttorio le assegnò una pensione.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy