In nome del segno

In nome del segno

I fondamenti teorico-metodologici della semiotica della cultura; i suoi rapporti con l'antropologia, la linguistica, la logica, la teoria delle comunicazioni, la cibernetica; teorie e autori rivisitati per ricavarne nuove prospettive semiotiche condivisibili.

Rivisitare le basi teoriche della semiotica della cultura ripercorrendo la vicenda di concetti e nozioni, interrogandosi sulle ragioni storico-sociali che hanno consentito l'emergere di certi problemi e di certi indirizzi di ricerca, è un'avventura intellettuale intricata e intrigante. Concepito in un'ottica interdisciplinare che non rinuncia a inseguire gli interconnessi itinerari che hanno indotto l'antropologia a confrontarsi con questioni originariamente poste in linguistica, in logica e perfino in fisica, biologia e cibernetica, questo volume invita tuttavia il lettore a tener salda la bussola. Il titolo ironico lo mette sull'avviso di quanto la prefazione già esplicitamente dichiara: si tratta di un'introduzione che spesso si fa extraduzione, e non perde di vista le vie d'uscita che è pure opportuno additare. Infine: è utile all'antropologia una teoria semiotica della cultura? Certamente, a condizione di ripensare non poche questioni centrali, compreso il modo stesso di impostare il rapporto tra semiosi e cultura, che va ben oltre quanto lascia intendere il tradizionale punto di vista della comunicazione. Così nell'ultima parte del volume l'autrice esplicita più sistematicamente le sue posizioni e rivisita a suo modo autori e teorie, facendo dialogicamente incontrare ottiche più o meno distanti - Marx e Peirce, per esempio, e ancora Prieto e Bachtin - per ricavare da tutto ciò nuove illuminazioni e una prospettiva semiotica condivisibile e in grado di meglio orientare l'antropologo nel territorio complicato dei comportamenti umani.

Autore

Silvana Miceli, professore di Etnoantropologia nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo, si è soprattutto occupata di letterature e pratiche simboliche e di problemi teoricometodologici dell'antropologia. Con questa casa editrice ha pubblicato uno studio sul trickster, enigmatico personaggio presente nella mitologia di molti popoli (Il demiurgo trasgressivo, 1984, 2000) e un'ampia opera che rivisita le basi teoriche della semiotica della cultura (In nome del segno, 1982, 2005).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy