L'occhio lungo

L'occhio lungo

Con un'intervista ad Agostino Cannarozzo

«Gialli d'arte» erano chiamati i polizieschi di Franco Enna: oggi diremmo gialli realistici. E Fefé Sartori, siciliano, combattente solitario, un po' blasé ma tenace fino al sacrificio, è un Montalbano ante litteram.

Franco Enna è lo scrittore che forse ha provincializzato il giallo italiano. Savinio prima, ma dopo lo stesso Calvino avevano dettato una sentenza definitiva: il paesaggio domestico non è adatto a fare da scenario a un poliziesco. Cannarozzo, alias Enna, senza osare ancora presentarsi con un nome così poco in tono con le atmosfere del thriller, osava invece tra i primi, negli anni Cinquanta, tuffare il delitto, il torbido e l'intrigo nelle nostre pigre e crepuscolari province, magari le più folcloristiche, come Marsala o Pantelleria. E creava un genere che Alberto Tedeschi, il dominus del Giallo Mondadori, battezzò «giallo d'arte», intendendo con ciò quello che noi chiameremmo giallo realistico: inchieste ordinarie che si dipanano un indizio dietro l'altro, tese su ritmi verosimili, condotte da poliziotti in carne e ossa e famiglie sulle spalle, su copioni tratti dalla cronaca nera del momento. E inventava forse il primo poliziotto siciliano: realista con saldi principi, lento e sensuale come un gattone, generoso e romantico. Insomma, una formula diventata oggi una garanzia di successo. Benché tardo - degli anni Settanta - L'occhio lungo ci sposta in un'atmosfera deliziosamente retrò: tra la Bassa Padana, Milano e la Svizzera Italiana, commendatori arricchiti e esportatori di valuta, femmine viziate dal denaro, e giovani spregiudicate alla Françoise Sagan. Fefè Sartori indaga sul sequestro di una maliarda miliardaria, e finisce lontano, a giocare la propria vita sul piatto della giustizia.

Autore

Franco Enna, pseudonimo di Franco Cannarozzo, è nato a Enna nel 1921 e morto in Svizzera, dimenticato, nel 1990. Col suo vero nome ha scritto romanzi, poesie, commedie, vincendo diversi premi letterari. Nel 1955, lanciato da Mondadori, cominciò a scrivere, con lo pseudonimo, un gran numero di gialli di costume e di denuncia sociale. Ha lavorato per il cinema e la televisione.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy