L'onda dell'incrociatore

L'onda dell'incrociatore

Tradotto in: Francia Editions du Rocher, Germania Marebuchverlag.
Nota di Tullio Kezich

Trieste, nel 1935, vide l'ingresso di alcuni incrociatori, reduci dall'avventura fascista nel Mar Rosso. Una giornata densa di avvenimenti e presagi funesti che segnerà una tragica svolta nell'esistenza dei giovani protagonisti del romanzo.

Il titolo dall'immensa forza evocativa, L'onda dell'incrociatore, lo trovò Umberto Saba nel 1945, dieci anni dopo il tempo della narrazione che si colloca alla metà degli anni Trenta, vigilia di odio e di guerre. «Nel far montare l'onda fatale dalla pagina di Quarantotti Gambini - scrive Tullio Kezich nella Nota a questo volume - Saba ebbe l'intuizione di elevarla a simbolo. Gioiosa nella solarità dell'incipit, quando le navi arrivano e foriera di sciagura nella notte del congedo quando le navi scivolano via dal golfo di Trieste, l'onda è il segno della fatalità: la morte che viene dal mare e travolge il più innocente e ignaro di tutti, imponendosi come il contrappasso della roboante parata militare». Quarantotti Gambini scelse «l'età più incerta», quella in cui da ragazzi si diventa uomini, perché è il momento del tempo in cui il destino, il vero protagonista, appare più cieco, capriccioso e dominatore. In una specie di foto di gruppo va in scena il passaggio attraverso l'amore e il sesso all'età adulta, segnato da perenne delusione e inevitabile sofferenza, e, in quell'estate alla canottiera di Trieste, dal caso di una morte crudele. Ma nella vicenda dei sospesi ragazzini amici Ano e Berto, del bell'Eneo e della inquieta Lidia, accanto alla morbosità e alla malinconia dello svanire immemore dell'età dell'innocenza, si insinua come una trepidazione e una paura di futuro in più, e anche un'ambiguità, che dotano di sorprendente attualità questo successo degli anni Sessanta, opera di un grande scrittore morto prematuramente.

Autore

Pier Antonio Quarantotti Gambini (Pola, 1910-Venezia, 1965) collaborò dal 1939 alla rivista «Solaria», su cui pubblicò racconti, e fu amico fraterno del poeta Saba che lo introdusse nella cultura della «triestinità» (quella di Svevo, Stuparich, Saba stesso, delle prime suggestioni della psicoanalisi). Ma l’opera più compiuta fu realizzata nella vena dominante della sua poetica, l’analisi del mondo inquieto dell’adolescenza, l’età della iniziazione alla vita. Ad essa appartengono: Le trincee (1942), Amor militare (1955), Il cavallo Tripoli (1956), La calda vita (1958). L’onda dell’incrociatore, pubblicato nel 1947, Premio Bagutta dello stesso anno, caduto in uno strano oblio editoriale, ha avuto invece da allora non interrotto seguito di lettori.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy