Origine degli strumenti musicali

Origine degli strumenti musicali

Lingua originale: francese
Traduzione di Salvatore Gagliardi
Titolo originale: Origine des instruments de musique
Introduzione di Diego Carpitella
I disegni delle illustrazioni sono stati eseguiti da Gino Merlina Impaginazione di Ennio Di Stefano

Dall'esperienza diretta nelle missioni compiute in Africa, un accurato studio sulle origini degli strumenti musicali. La teoria delle tecniche corporali ed il criterio tassonomico per materiali ne sono i contributi più originali.

Due sono i contributi personali e originali di Schaeffner sulle origini degli strumenti musicali, suffragati dall'esperienza diretta nelle missioni da lui compiute in Africa: la teoria delle tecniche corporali ed il criterio tassonomico per materiali. Ambedue carichi di conseguenze metodologiche. La teoria delle tecniche corporali si riallaccia alle coeve osservazioni sul corpo e l'operare magico di Marcel Mauss, al quale l'autore rende omaggio nella prefazione. Tecniche che si collocano funzionalmente entro l'ambito delle culture di «mentalità orale» la cui definizione, in quel periodo, era già avviata da Milmann Parry e successivamente sviluppata dalla scuola di Yale. Nel nostro caso vuol dire che il suono strumentale non può prescindere da altre tecniche della comunicazione orale, cosicché alle origini degli strumenti musicali vi è un «gesto», una «articolazione cinesica» che, attraverso lo spazio, si reifica in alcune superfici. Mentre la teoria delle tecniche corporali riferita all'organologia strumentale va considerata nella drammatizzazione tipica delle culture orali, il criterio tassonomico per materiali sembra accarezzare una idea strutturalistica il cui fine sono le universalia. Da questo punto di vista, cioè quello dei materiali, uno strumento come lo scacciapensieri, (il marranzanu, la jaw's harp, ecc.) diventa emblematico per queste universalia organologiche, in quanto il principio di far vibrare una lamina di ferro entro una cavità, in particolare quella orale, è diffuso dappertutto (Europa, Asia, Africa, ecc.) così da giustificare una interpretazione poligenetica e strutturale del fenomeno.

1996

Nuovo prisma n. 6

452 pagine

EAN 9788838912566

Non disponibile

Autore

André Schaeffner (Parigi,1895-1980), etnomusicologo e critico francese, ha fondato nel 1929 il Dipartimento di Etnomusicologia del Musée de l'Homme, che ha diretto fino al 1965. Fra il 1931 e il 1958 ha guidato sei missioni scientifiche in Africa Occidentale, interessandosi alla musica primitiva. Dal 1960 è stato membro onorario del Royal Anthropological Institut inglese. Tra le sue opere: Strawinsky (1931); Les Kissi: une société noire et ses instruments de musique (1951); Debussy et E. Poe (in collaborazione con E. Lockspeiser, 1961); Essais de musicologie et autres fantaisies (1980).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy