Le origini religiose della persecuzione nella storia

Le origini religiose della persecuzione nella storia

Lingua originale: inglese
Traduzione di Marina Premoli
Titolo originale: Moral Purity and Persecution in History

Un saggio di estrema attualità e di profondo spessore che analizza le cause delle intolleranze e dei conflitti.

Nel ripetersi storico dei massacri di massa, dei rigurgiti sanguinari di intolleranza, delle persecuzioni di cui ogni epoca, non esclusa la nostra, ha provato la piaga, colpisce più che la differenza la somiglianza: «sono state le somiglianze - osserva Barrington Moore - a dare risultati così tremendi». L'eminente storico americano - che con un libro celebre, Le origini sociali della dittatura e della democrazia, ha offerto una chiave originale per comprendere la storia comparata, andando a cercare nelle basi sociali (ideologiche, istituzionali, culturali, oltre che economiche) la causa della differenza o della ripetizione - applica lo stesso sistema di indagine al caso della persecuzione. E ricostruisce, attraverso alcuni eventi speciali presi come esempi tipici - dall'Israele dell'Antico Testamento, al Terrore della Rivoluzione francese, dalle Guerre di religione, al sistema delle caste indiane e alla Cina confuciana - lo schema dinamico di quei «processi che sfociano nella approvazione morale della crudeltà». Al di sotto vi è sempre un'idea di purezza morale che d'improvviso, per circostanze diverse, si fa strada tra gli eventi e fissa il perimetro di un'identità comune che si sente minacciata dai soggetti attivi di una contaminazione percepita come abbastanza forte da deumanizzarne e demonizzarne i portatori. Una coppia di opposti inconciliabili, puri contro impuri, che si trovano entro le culture derivate dalle grandi religioni monoteiste, ma che è invece estranea alle altre culture dove l'impuro, benché degradato e intoccabile, viene considerato elemento integrante della comunità in quanto destinato a trattare e manipolare l'immondo. Una situazione tutt'altro che idillica, visto che il prezzo da pagare era la rigida divisione in caste e l'immobilità sociale, che oggi, comunque, l'intrusione dell'Occidente ha sconvolto. «Tanto tempo fa, diciamo dopo la fine della II guerra mondiale, pareva che le battaglie contro le forme più virulente dell'irrazionalità e dell'intolleranza fossero finite e vinte. Potevamo rivolgerci alla lotta contro l'ignoranza, contro la fame e le malattie, e magari goderci anche un po' la vita. A mezzo secolo di distanza quella visione, col ritorno di tutti i vecchi spettri e la creazione di nuovi orrori, sembra essere stata la grande illusione del XX secolo».

Autore

Barrington Moore Jr. è stato professore di sociologia ad Harvard e ricercatore del Russian Research Center. Tra le sue opere: Le origini sociali della dittatura e della democrazia, Le basi sociali dell'obbedienza e della rivolta, Le cause sociali delle sofferenze umane.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy