Orizzonti incrociati. Il problema epistemologico in antropologia

Orizzonti incrociati. Il problema epistemologico in antropologia

In che senso ci si può dire realisti, relativisti o costruttivisti? Un'indagine, in chiave antifondazionalista, sulla validità dell'antropologia come conoscenza scientifica.

Come costruiamo le nostre conoscenze? Come scegliamo le nostre domande? Che rapporto c'è tra l'oggetto «preso di mira» e l'oggetto «restituito» in una indagine conoscitiva? In che modo l'esposizione a differenti metodi d'indagine contribuisce a configurare diversamente l'indagato? Come valutiamo le nostre risposte? Potrebbero esser queste alcune parafrasi dell'interrogativo epistemologico che l'autrice in questo volume riformula in chiave antifondazionalista, come proprio l'ottica antropologica suggerisce opportunamente. E la conoscenza antropologica? Non ci porremo anche a suo proposito analoghe domande? Discutere tali argomenti obbliga a prendere posizione su molte questioni oggi in dibattito, comprese quelle riguardanti se e in che senso ci si possa dire realisti, relativisti o costruttivisti. Dichiarando le proprie scelte e le proprie opzioni, l'autrice affronta i problemi epistemologici dell'antropologia da differenti angolazioni, mostrandone la complessità anche dove le cose potrebbero apparire semplici: la descrizione etnografica. Critica nei confronti dell'interpretativismo e del postmodernismo l'autrice non per questo condivide tesi scientiste o veteropositiviste. Si muove secondo due modi collaboranti, oggettualizzazione e dialogismo, così impostando in un'ottica diversa l'esplorazione dei problemi posti dalla conoscenza antropologica ed evitando la trappola di certe abusate e fuorvianti dicotomie.

Autore

Silvana Miceli, professore di Etnoantropologia nella Facoltà di Lettere e Filosofia dell'Università di Palermo, si è soprattutto occupata di letterature e pratiche simboliche e di problemi teoricometodologici dell'antropologia. Con questa casa editrice ha pubblicato uno studio sul trickster, enigmatico personaggio presente nella mitologia di molti popoli (Il demiurgo trasgressivo, 1984, 2000) e un'ampia opera che rivisita le basi teoriche della semiotica della cultura (In nome del segno, 1982, 2005).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy