I papillons di Brahms

I papillons di Brahms

«Un mix di narrazione, d’invenzione, di memoria dell’occasione musicale: un protocollo del vissuto individuale e sociale, una cronaca della Palermo musicale».

«Sono pezzi dettati dall’occasione, che, come Sparafucile, ho colto a volo. I pezzi una volta composti in suite esibiscono – almeno per me – una insospettata coerenza» scrive Piero Violante, presentando questa raccolta che risuona di oggetti d'affezione da Mozart a Schoenberg, da Brahms a Kurt Weill, ad Adorno, ai cari estinti, ai musicisti siciliani: Ziino, Sollima, Mannino, Pennisi, Incardona. Emergono nella suite del libro «le predilezioni del critico, rafforzate da un tema fondamentale per la lettura del Novecento: la centralità di Vienna vista sì in continuità tra la Klassik e la Wiener Schule, così come insegnava Schoenberg, ma non più in opposizione né con la Parigi europeista di Cocteau e dei Sei né con la Berlino socialista di Brecht e Weill. Ho imparato frequentando per venti anni la redazione de “L’Ora” che anche un pezzo di cronaca musicale è un pezzo di critica sociale. Oggi, lo so, questa idea appare sempre più minoritaria e marginale. Il libro insiste sulla centralità dei nessi forma-società, sulla lettura sociologica delle interrelazioni e non sovrapposizioni tra le autonomie delle forme artistiche e di quelle sociali, sulla convinzione della centralità della musica nella formazione dell’identità civile e negli affetti. I papillons di Brahms – il segreto del titolo sta nella piccola storia che apre la raccolta – leggono la musica come “sintomo” sociale. Ogni singolo pezzo si propone il difficile compito di raccontare la musica, di inserirla nel canone culturale, in un mix di narrazione, d’invenzione, di memoria dell’occasione musicale: un protocollo del vissuto individuale e sociale».

Autore

Piero Violante (Bagheria, 1945) insegna Storia delle dottrine politiche e Sociologia della musica presso l’Università di Palermo. È critico musicale de «la Repubblica» (Palermo). Con questa casa editrice ha pubblicato Eredità della musica. David J. Bach e i concerti dei lavoratori viennesi 1905-1934 (2007), I papillons di Brahms (2009) e Swinging Palermo (2015).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy