Il passeggero del secolo. Guerre, Rivoluzioni, Europe

Il passeggero del secolo. Guerre, Rivoluzioni, Europe

Lingua originale: francese
Traduzione di Aridea Fezzi Price
Titolo originale: Le Passager du siècle. Guerres, Révolutions, Europes

Un'intervista-biografia di uno dei maggiori storici del Novecento che è sempre stato dalla parte giusta, dalla parte della libertà e dell'umanità. Pagine lucide e appassionate sulle contraddizioni del secolo appena trascorso.

«Sono convinto che vi sia una parte dell'uomo che non si spiega né con la ragione, né con il progresso». «C'è una frase di Baudelaire che dice: il più grande successo del diavolo è di far credere agli uomini che non esiste». «Purtroppo la storia non conosce progressi lineari e non dispone di un rimedio per tutti i mali dell'umanità. Questo vale particolarmente per un secolo folle come quello che si è chiuso». Il secolo folle, il grande storico del Novecento François Fejtö lo ha percorso davvero come un passeggero. Aveva cinque anni quando scoppiò la prima guerra mondiale, e da ebreo cristianizzato ungherese imparentato con grandi famiglie friulane, amico di infanzia di Rajk e Lukács, quasi portava nella sua esistenza concreta tutti i simboli di quel multiculturalismo che l'impero austroungarico racchiudeva. L'elenco delle svolte e delle convulsioni che la sua vita ha patito da cosmopolita obbligato all'esilio (prima da Hitler, poi da Stalin), coincide perfettamente con l'elenco di tutte le tragedie, gli splendori e le svolte del secolo: dalla belle époque al crollo del muro di Berlino. Così come le lingue che, non lo studio, ma l'interesse vitale lo ha condotto a parlare, coincidono con il linguaggio che suona nelle conversazioni da un bordo dell'Europa all'altro. Inoltre, da storico di testi classici della storiografia (quali Storia delle democrazie popolari e Requiem per un impero defunto), all'esperienza vivida si aggiunge lo sguardo penetrante e circospetto dell'osservatore di professione. Il suo racconto, in queste pagine dell'intervista-biografia, scorre dunque come il quaderno del grand tour di un Voltaire del nostro tempo, che è sempre stato dalla parte giusta, dalla parte della libertà e dell'umanità, ma con le riserve e le incertezze di chi ha visto anche i mostri della ragione e s'è convinto che la ricerca del paradiso in terra resti il male inesorabile del secolo con cui ha vissuto. Il diavolo, probabilmente.

2001

La nuova diagonale n. 35

384 pagine

EAN 9788838916779

Non disponibile

Autori

François Fejtö
François Fejtö è nato nel 1909 in Ungheria, a Nagykanizsa, da famiglia ebraica. Dal 1955 è naturalizzato francese. È internazionalmente noto per la sua Histoire des démocracies populaires (1969) e considerato altresì uno dei maggiori esperti di storia dell'impero austro-ungarico, su cui ha scritto libri di enorme successo. Tra i titoli pubblicati in Italia Requiem per un impero defunto (1990), Fine delle democrazie popolari. L'Europa orientale dopo la rivoluzione del 1989 (1990) e Dio e il suo ebreo (2000). Con questa casa editrice ha pubblicato l'intervista Il passeggero del secolo (con Maurizio Serra, 2001), Viaggio sentimentale (2003) e Dio l'uomo e il diavolo. Meditazioni sul male nel corso della storia (2007).
Maurizio Serra
Maurizio Serra (Londra, 1955), diplomatico di carriera, ha prestato servizio a Berlino, Mosca e Londra. Ha pubblicato Una cultura dell'autorità. La Francia di Vichy (Bari, 1980), la trilogia de L'Esteta armato (Bologna, 1990) e con questa casa editrice Il passeggero del secolo, biografia-intervista con lo storico François Fejtö.

Altri titoli in catalogo

François Fejtö

Altri titoli in catalogo

Maurizio Serra

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy