Passioni olandesi

Passioni olandesi

Lingua originale: tedesco
Titolo originale: Holländische Liebhabereien
A cura di Cesare Marelli

Un erudito professore ed un giovane vetraio che entra al suo servizio, dopo aver imparato il greco da un marinaio. Le rigide fondamenta della cultura accademica sono messe in discussione dall'intelligenza del libero genio creatore.

Vi è all'origine di Passioni olandesi una querelle, un'ingegnosa volontà polemica che ne spiegano il rifinito gusto romantico e, soprattutto, l'accuratezza di costruzione storica. Il racconto è l'educazione spirituale e sentimentale di un poeta, in un'Olanda secentesca, di ambienti universitari e cittadini che richiamano nella raffigurazione la coeva pittura fiamminga. Uno dei personaggi, il professor Hemkengriper, esempio di angusto eruditismo, è il ritratto in chiave grottesca di un filologo contemporaneo ad Arnim, J. H. Voss autore di due autorevoli traduzioni dell'Iliade e dell'Odissea e avversario della voga romantica di guardare al passato. Tra il 1805 e il 1808, Voss aveva ripetutamente attaccato l'opera cui Arnim si era dedicato con fervore e a cui deve larga parte della fama, quella Cornucopia del fanciullo che raccoglieva i canti popolari tedeschi. Agli attacchi risposta fu, appunto, questa novella e non è facile immaginare come Voss abbia potuto rintuzzare una controffensiva tanto arguta e insieme avvertita. Arnim colloca nel passato storico il detrattore del suo modo di fare storia; attorno gli costruisce una precisa ambientazione; gli oppone, come precursore di sensibilità romantiche, un magnifico poeta; gli pone sulla bocca opinioni che Voss identiche avrebbe sostenuto due secoli dopo e che due secoli prima sanno già di vecchio. Chiude insomma l'avversario nella macchina del tempo e mostra la superiorità sul pedante del libero genio creatore.

Autore

Ludwig Achim von Arnim (1781-1831), scrittore tedesco, impegnò l'intera sua opera nella diffusione dell'ideologia romantica. Assieme a Clemens Brentano compilò la raccolta di canti popolari tedeschi La cornucopia del fanciullo il cui intento, più che filologico, era il recupero della cultura medievale e nazionale tedesca; e animò il «Giornale per eremiti». Fu autore di numerosi racconti, fra cui Isabella d'Egitto (1812), e di un romanzo incompiuto I custodi della corona (1817-1856).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy