I peccati di Tommaseo e altri studi sulla confessione letteraria

I peccati di Tommaseo e altri studi sulla confessione letteraria

Il rovello confessionale di Tommaseo, l'intento anticristiano della «confessione» leopardiana, la pseudoconfessione di scopo politico e civile di Nievo. Una lettura intelligente e diversa di tre grandi della nostra letteratura.

«Da Agostino ai moderni, scrivere le proprie confessioni non ha sempre lo stesso significato né trova le stesse giustificazioni: una cosa è il racconto personale che si pone come sacrificium e si prospetta in funzione di una soluzione al problema del male, un'altra cosa invece è l'indugio compiaciuto sulle proprie contraddizioni e debolezze, vuoi in chiave polemica o addirittura di sfida, vuoi con una più o meno posticcia unzione moralistica. Non a caso il narcisismo negativo raggiunge il suo apice in età romantica, quando il mal du siècle aureola ambiguamente tanti poeti ed artisti. Anche se spesso deviata su un personaggio romanzesco, la confessione diviene allora la forma letteraria preferita per esprimere un disagio storico, uno strumento per emergere comunque dalla massa, esibendo un modello distruttivo e autodistruttivo (e sia pure mitigato da una qualche pretesa di acquisita maturità o addirittura di conversione). Fucina di queste confessioni è soprattutto la Francia, il paese in cui il trauma rivoluzionario e napoleonico ha inoculato nella nuova generazione della Restaurazione e della Monarchia di luglio una complessa sintomatologia della perdita e dell'oltranza anticonformista, del vittimismo e della provocazione». Erudito e di piacevolissima lettura, di quella erudizione cioè che diventa immediatamente avventura intellettuale, questo libro traccia un segmento della storia del genere nella letteratura italiana. Dal rovello confessionale di Tommaseo, centrato sul tema della sensualità, all'opposto intento anticristiano della «confessione» leopardiana, fino alla pseudoconfessione di Nievo, in cui lo scopo è solo politico e civile, senza che il protagonista (il Carlo Altoviti delle Confessioni di un italiano) conservi tratti di controfigura dell'autore. Alla fine del volume è documentato l'interesse, profondo e depurato, che Pirandello nutrì verso la rappresentazione della sessualità da parte del Tommaseo.

Autore

Rosa Maria Monastra attualmente insegna Sociologia della letteratura e Letteratura italiana presso la Facoltà di Lingue dell'Università di Catania. Ha collaborato alla LIST Laterza con pagine su Tommaseo, il tramonto del classicismo, la scuola carducciana; ha pubblicato una guida alla lettura di Nievo e una raccolta di saggi sulla cultura siciliana (L'isola e l'immaginario), oltre a vari articoli e interventi a seminari e convegni su tematiche letterarie soprattutto otto/novecentesche.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy