Perché corre Sammy?

Perché corre Sammy?

Lingua originale: inglese
Traduzione di Alfonso Geraci
Titolo originale: What Makes Sammy Run?
Nota di Giuseppe Scaraffia

«Un piccolo capolavoro, americano al cento per cento» (Kurt Vonnegut). L'ascesa di un ebreo povero e ambizioso, da fattorino a tycoon di Hollywood, osservato da una specie di biografo che in lui odia e ama l'America.

Kurt Vonnegut su questo libro: «un piccolo capolavoro, americano al cento per cento». Significa che conserva la lezione del Grande Gatsby di Scott Fitzgerald e insieme la spiccata impressione di certi film americani alla metà del Novecento, quando parlano con drammatico realismo della giungla metropolitana, del mondo dei giornali e dello spettacolo. Al Manheim, il narratore che ha il tono distaccato e in fondo simpatizzante del Nick testimone, appunto, del Grande Gatsby, ci racconta in presa diretta perché corre Sammy, la sua ascesa nel mondo dei media da fattorino di redazione a produttore hollywoodiano. Vi ha assistito personalmente per essere stato redattore del giornale in cui il piccolo avventuriero aveva cominciato. Ma tra Al e Sammy sembra esserci un abisso: tutto li distingue, tanto scettico e perdente il primo, quanto entusiasta dell'amore di sé Sammy, un ebreo di origini poverissime, un vincente senz'altro talento che la volontà infrangibile di soldi e potere. Due stili opposti di vita a confronto, e due visioni etiche dell'esistenza. Ma c'è ambiguità nel modo di porgere le cose di Al, un misto di ammirazione e disprezzo, forse anche qualche caduta di sincerità nel modo in cui ne descrive i tradimenti, le meschinità, l'opportunismo, gli inganni, i successi dalla carriera all'amore, e l'unica sconfitta, infertagli, naturalmente, da una donna. E poi, in effetti, Al deve a Sammy troppi favori. O è l'America che li deve ai tipi alla Sammy? Il ritmo del racconto è quello incalzante del reporter capace di dare solennità alla cronaca di eventi quotidiani e trasferire in essi il senso della storia che si sta facendo. Di dare forza simbolica alla stupefacente naturalezza, alla ineluttabilità con cui un arrivista vive se stesso. La sua operosità da formica, nelle pagine del libro, si trasforma in un'avventura appassionante e rischiosa. E dotata della grandezza di un'epopea in fondo triste. Come probabilmente intendeva il sogno americano questo scrittore, figlio di un tycoon, prima comunista poi collaboratore del maccartismo, che avrebbe voluto essere un autore puro ma fu sceneggiatore di successo della Hollywood dell'epoca d'oro.

Autore

Budd Schulberg (New York, 1914-2009) ha scritto narrativa, reportage, sceneggiature, spesso incentrati sugli aspetti più duri della vita metropolitana; come sceneggiatore ha legato il suo nome a capolavori, quali Fronte del porto (1954, Oscar 1955 per la sceneggiatura) e Un volto nella folla (1957), entrambi diretti da Elia Kazan. Questa casa editrice ha pubblicato Perché corre Sammy? (2005) e I disincantati (2007).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy