Piccola posta

Piccola posta

Tradotto in: Svizzera Edition Epoca
Nota di Dacia Maraini

«Fuori piove da due giorni, e c'è una guerra da quattro settimane. Sono qui da ventisette mesi. Sette paia di scarpe ho consumato, e non sono andato da nessuna parte» (Adriano Sofri).

Ho desiderato, a volte, di scrivere come certe signore fanno la calza. Un diritto e un rovescio, ogni tanto un'occhiata, una misura, e magari disfare tutto e ricominciare. La galera esaudisce, come in una caricatura, questo desiderio. Tutto va avanti e indietro, tutto si fa e si disfa, a vanvera. Per esempio: camminare. Intanto, l'aria aperta è una così sparuta concessione che si chiama tecnicamente «aria», ha il suo tempo fisso, l'«ora d'aria» - una bolla di sapone - e il suo cortile obbligato. L'aria aperta del carcere è un'aria chiusa. I suoi avventori sono riservati: niente persone dell'altro sesso, niente bambini, niente animali, salvo qualche volo d'uccello subito spaventato d'esser capitato in un ritaglio di cielo vigilato coi mitra. Guardo i detenuti al passeggio - e me stesso. Camminano: cioè vanno macchinalmente avanti e indietro, da un muro a un altro muro, avendo cura di fare dietrofront un po' prima di aver esaurito lo spazio (una superstizione, credo) per sgranchirsi: in realtà cedendo a quel viavai smanioso che è di tutti gli animali in gabbia. Su e giù, una calza frenetica sempre destinata a perdere i punti. Anche la scrittura va su e giù - mi ricordo la bella parola scolastica, «bustrofedica», da sinistra a destra e da destra a sinistra, come i buoi tirando l'aratro. Scrittura di galera: va avanti e indietro per niente, come le camminate all'ora d'aria. Rimbalza da un muro all'altro, da un giorno all'altro. Si disfa. Qui è stata raccolta in volume, addirittura. Il titolo però avverte: non sono neanche lettere dal carcere. Piccola posta di tutti i giorni, per una rubrica sul «Foglio» (grazie). La traccia di un andirivieni buttato via. Lo dedico lo stesso: a Silvia e a Francesca. Ho corretto le bozze. Finisce un altro aprile. Fuori piove da due giorni, e c'è una guerra da quattro settimane. Sono qui da ventisette mesi. Sette paia di scarpe ho consumato, e non sono andato da nessuna parte. Adriano Sofri

Autore

Adriano Sofri è nato a Trieste nel 1942. Con questa casa editrice ha pubblicato: Memoria (1990), L’ombra di Moro (1991), Le prigioni degli altri (1993), Il nodo e il chiodo (1995), Lo specchio di Sarajevo (1997), Piccola posta (1999), Chi è il mio prossimo (2007), Contro Giuliano. Noi uomini, le donne e l’aborto (2008), La notte che Pinelli (2009), Machiavelli, Tupac e la Principessa (2013) e Reagì Mauro Rostagno sorridendo (2014).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy