Piccolo teatro

Piccolo teatro

Lingua originale: spagnolo
Traduzione di Maria Nicola
Titolo originale: Pequeño teatro

In un piccolo paese di pescatori un ragazzo solo e abbandonato si lega d'amicizia con un vecchio, padrone di un mondo magico: un teatro di burattini. Un senso di attesa e di inquietudine aleggia per tutto il romanzo con il quale l'autrice vinse il Premio Planeta.

Ana María Matute ha scritto una grossa parte della sua opera, tra le più importanti della letteratura spagnola del Novecento, in età franchista, conoscendo la censura, e su temi spesso scabrosi come i turbamenti dell'adolescenza, o su vicende di passioni intense, ambigue, quasi torbide: spinte all'eccesso, o viceversa soffocate, nel clima ostile del conformismo e della maldicenza. Non stupisce quindi il tono allusivo, i soggetti fortemente metaforici quasi da parabola, le atmosfere fiabesche, e la penombra di un immanente mistero che avvolge ogni cosa: danno il carattere alla sua pagina, e la sua qualità contemporaneamente. In una immaginaria cittadina sul mare, che vive di pesca e di turisti, di cui si indovinano le tetre giornate deserte dell'inverno, e la ricchezza gelosa della propria distinzione dovuta più alla rendita di posizione che al dinamismo, si intrecciano i destini di quattro personaggi al margine della vita sociale, accelerando il loro compimento. Sono un ricchissimo proprietario venuto su dal nulla, vedovo solitario e ossessionato da un sogno di grandezza. Sua figlia, sprezzante selvaggia, eccentrica anche nel fisico, due occhi di diverso colore, permanentemente accompagnata dal mormorio di un ambiente che la tollera solo per rispetto alla famiglia di sua madre. Il ragazzino orfano cresciuto nel porto, con fama di idiota e fannullone. Il forestiero, biondissimo, elegante, grandioso, disceso dalla nave con un vento di esotico. Tra il ragazzino e l'avventuriero nasce un'amicizia ribalda. E scocca la scintilla dell'amore tra l'uomo biondo e la ragazza. E nulla vi è, per i luoghi e i tempi, di più sovversivo e portatore di disordine, di un'amicizia disinteressata tra diseguali, e del conteso amore.

Autore

Ana María Matute è nata nel 1926, a Barcellona, dove tuttora risiede. Fra i numerosi titoli che l'hanno portata a occupare una posizione preminente nella letteratura spagnola del Novecento, si ricordano: Los Abel (1948), Fiesta al Nordeste (1953), Los soldados lloran de noche (1964), La trampa (1969). Di recente pubblicazione è il lungo romanzo storico Olvidado rey Gudú. Questa casa editrice ha pubblicato Prima memoria (1997) e Piccolo Teatro (2003). Piccolo teatro è del 1954.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy