La pittura su vetro in Sicilia

La pittura su vetro in Sicilia

Nota di Leonardo Sciascia

26 illustrazioni in bianco e nero, 123 tavole a colori fuori testo

Derivante dall’arte della vetrata e della decorazione a freddo di superfici vitree, la pittura su vetro nasce in tutta Europa verso la fine del XIV secolo. Commerciati da venditori ambulanti, i dipinti sotto vetro in Sicilia si costituiscono come miracoli, sacre apparizioni di un nume che irrompe nella storia degli uomini. Il volume, dell'illustre antropologo siciliano, costiutuisce uno dei primi esaustivi ed approfonditi studi sull'argomento.

«Un’offerta di qualità quella dell’editore Enzo Sellerio di Palermo la seconda edizione, rinnovata nel testo e nell’apparato iconogrfico, de La pittura su vetro in Sicilia di Antonino Buttitta» (Il Giornale dell'Arte).

Nel suo momento più popolare, che in Sicilia si realizza forse tardivamente, ma in altre parti d'Europa, e particolarmente nell'area dell'impero austriaco, pare coincida con le sue origini stesse, la pittura su vetro è stata felicemente e pertinentemente ritrovata, riproposta, implicata in un discorso globale sull'arte, dal Der Blaue Reiter [...] fra le tante forme, che venivano recuperando e riproducendo, Kandinsky e Marc sembra abbiano avuto una predilezione per la pittura su vetro, come del resto coloro che immediatamente li precedevano nella battaglia per un'arte che raccogliesse in sè, insieme, «la grande astrazione» e il «grande realismo». Dice Klaus Lankheit, che nel 1965 ha curato la ristampa del Cavaliere Azzurro: «Nessun'altra branca dell'arte popolare ha influenzato le concezioni e il linguaggio formale del gruppo di Monaco come la pittura contadina su vetro». Perchè? Indubbiamente c'entrava una suggestione, per così dire, materica – l'astrazione cui la materia condizionava e assolveva la forma. Ma non è, questa, la sola risposta. Ce ne sono altre, anche se, forse, in dipendenza da questa: e ognuno le cercherà e troverà sfogliando questo libro, leggendo il testo di Buttitta (Dalla nota introduttiva di Leonardo Sciascia).

Autore

Antonino Buttitta (1933-2017) professore emerito dell’Università di Palermo, ha insegnato per molti anni in varie Università Antropologia culturale e Semiotica. Tra le sue opere: Cultura figurativa popolare in Sicilia (1961), Ideologia e folklore (1971), Pasqua in Sicilia (1978), Il natale (1985), L’effimero sfavillio. Itinerari antropologici (1995). Con questa casa editrice ha pubblicato La pittura su vetro in Sicilia (1972 e 1991), Semiotica e antropologia (1979), Dove fiorisce il limone (1983), Gli ex voto di Altavilla Milicia (1983), Dei segni e dei miti (1996) e Mito fiaba rito (2016).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽