Politica della letteratura

Politica della letteratura

Lingua originale: francese
Traduzione di Anna Bissanti
Titolo originale: Politique de la littérature

Se la politica è la sfera dell’attività umana con cui si definiscono gli oggetti dell’esperienza sociale che sono da ritenersi comuni e condivisi e con cui si individuano i soggetti deputati a tale definizione, esiste una politica della letteratura? Non nel senso del parteggiare, da parte di scrittori, per questa o quella causa o fazione, ma nel senso proprio dell’intervento dell’attività letteraria, in quanto tale, alla definizione di tali aree comuni. La letteratura, secondo le parole di Jacques Rancière: «interviene nel rapporto tra pratiche, tra forme di visibilità e tra modi di dire che segmentano uno o più mondi comuni». Nell’analizzare la questione l’autore muove da una curiosa convergenza. «Sartre parlava di Flaubert come del fuoriclasse di un assalto aristocratico contro la natura democratica del linguaggio della prosa» avendo liberato la parola dagli oggetti e dagli uomini, avendo dato alla parola che descrive una sua completa autonomia, trasformando essa in oggetto, parola «mutata in pietra, pietrificata», così strappando le parole al loro uso di critica sociale che i democratici del 1848 avevano scoperto. Ebbene la stessa pietrificazione della parola che la critica progressista rilevava, era stata denunciata nel senso opposto dai critici di parte aristocratica contemporanei di Flaubert: per essi l’indifferenza, l’equidistanza verso le gerarchie sociali esibita dal linguaggio pietrificato era il segno distintivo stesso della democrazia. Nel resto del libro, tale convergente duplicità di giudizio, intorno alla politicità della letteratura, da quando questa, «pietrificando la parola», aveva scoperto essere il linguaggio il suo vero oggetto, è testata, oltre Flaubert, in altri momenti significativi della letteratura. Tra gli altri: Tolstoj, Mallarmé, Brecht, Borges, la psicanalisi nella letteratura, la letteratura storica e biografica.

Autore

Jacques Rancière (Algeri, 1940) filosofo francese, è professore emerito nell'Università di Paris-VIII. Ha partecipato giovanissimo all'opera di Louis Althusser Leggere «Il Capitale». Si è dedicato soprattutto a ricerche sugli utopisti, i primi movimenti proletari, l'eguaglianza e la rivoluzione e la democrazia in arte e letteratura. Tra le sue opere tradotte in italiano Il maestro ignorante (2009).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy