Post scriptum

Post scriptum

Traduzione dal tedesco di Margherita Carbonaro
Titolo originale: Postskriptum

La storia di una celebre star del cinema degli anni Trenta, costretto alla solitudine dell’esilio nei tormentati anni della catastrofe europea. Il nuovo romanzo dell’autore di Il concerto, un successo letterario in Europa e in Italia.
«Post scriptum è come il grande cinema: l’amore, il dramma, il bene e il male, e al termine un inaspettato lieto fine» (Lesart).

Nel gennaio del 1933, in un lussuoso hotel delle Alpi Svizzere, trascorre qualche settimana di riposo il più popolare attore di lingua tedesca. Dopo il sensazionale successo dell’esordio quando ha già trentacinque anni, in un film muto con un’attrice sconosciuta che si farà strada, Marlene Dietrich, è diventato un idolo, un seduttore, un sogno, e non solo in Germania. Adesso, in quei giorni invernali, protetto dal personale e dai proprietari dell’albergo che sorvegliano con discrezione le sue ore di tranquillità, Lionel Kupfer sembra godersi la villeggiatura e concentrarsi sul prossimo ruolo cinematografico. La sua presenza, nonostante le attenzioni, non passa inosservata. Nell’ufficio postale del paese lavora il giovane Walter, fervente e rispettoso ammiratore dell’attore, che una sera va all’albergo per vederlo da vicino. E di lì a poco arriverà anche Eduard Steinbrecher, un mercante d’arte viennese a cui Kupfer è da tempo legato.
Si va preparando, in quel luogo di così ordinata apparenza, remoto rifugio di un’Europa inquieta, un futuro inaspettato. L’uomo e l’intero continente sono sul punto di scivolare in un baratro senza ritorno. Kupfer è ebreo, e neppure la fama può proteggerlo dalla ferocia dell’odio antisemita. Di colpo il divo dagli occhi azzurro acqua, visibili solo nei manifesti perché la pellicola del tempo non riesce a catturarli, l’uomo elegante come un italiano e volitivo come un tedesco, non è più il benvenuto in Germania. Davanti a lui, nella quiete improvvisamente crudele di un accogliente soggiorno, si delinea la definitiva conclusione della sua carriera. E la necessità di scelte senza ritorno.
Ritratto di un personaggio malinconico e scettico nel corso di mezzo secolo di vita e di rivolgimenti, biografia inventata di realistica profondità, e soprattutto riflessione sull’amore come impossibilità e illusione, il romanzo di Sulzer è un raffinato e letterario cantico della sparizione, della scomparsa: da un lato quella individuale di un artista esiliato dalla Storia, dall’altro il dissolvimento collettivo, mortifero, infernale, che contrassegna la brutale follia del XX secolo.

2016

Il contesto n. 70

248 pagine

EAN 9788838935190

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Alain Claude Sulzer (1953) ha pubblicato numerosi romanzi, tra cui Privatstunden (2007), Zur falschen Zeit (2010) e Un cameriere perfetto (2004, ADV 2011). Per le sue opere letterarie è stato tra l’altro insignito del Prix Médicis étranger (2009) e del Premio Hermann Hesse (2009). È inoltre editor di antologie, traduttore di opere in lingua francese, critico letterario.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy