Preludi. Le note editoriali alla «Biblioteca delle Silerchie»

Preludi. Le note editoriali alla «Biblioteca delle Silerchie»

Introduzione di Raffaele Manica

Con uno scritto di Edoardo Sanguineti

Le note editoriali scritte per la collana «Biblioteca delle Silerchie», sessantotto capolavori seducenti di inviti alla lettura, succinti e pieni di immaginazione, chiari e audacemente ironici, attendibili ma mai privi del fascino leggero dell’occasione.

Giacomo Debenedetti, il più grande studioso italiano del romanzo del Novecento, tra il 1958 e il 1967 fu l’artefice, per il Saggiatore (l’innovativa casa editrice di cui era il direttore), della collana «Biblioteca delle Silerchie». La collezione era composta di testi di genere diverso, da lui scelti ricalcando personali preferenze di lettura. I volumi presentavano una particolarità. Ciascuno di essi non recava i soliti risvolti di copertina (dove ritualmente si riassumono contenuti e biografie degli autori). Questi erano sostituiti da un paio di pagine redazionali all’interno, anonime ma da lui vergate; più di un risvolto, meno di una introduzione: «dunque un po’ (osserva Edoardo Sanguineti) come costringere a un rapido epigramma un poeta avvezzo a un suo riposato e disteso respiro compositivo». E sono queste sessantotto note editoriali alla «Biblioteca delle Silerchie» che il presente volume raccoglie. Capolavori seducenti di inviti alla lettura, riproducevano in miniatura quello stesso stile che fa parlare dei suoi scritti maggiori come di «racconti critici».
Nella stesura di questo tipo di prime notizie al lettore si sono a volte cimentati i grandi scrittori (basti ricordare il caso di Calvino o Sciascia o Vittorini), tanto da costituire, nelle sue punte alte, si può dire un genere letterario. La cui curiosità è quella di un backstage, di un retroscena autentico, in quanto apre una finestra sull’officina del libro. Quando il grande letterato sceglie un libro che sente affine e deve contemporaneamente invogliare immediatamente alla lettura, è come se fosse tenuto ad attrarre attraverso la sua stessa intuizione. E in questo rendere discorsiva la propria immediata intuizione, in questo spiegare in un’immagine il «perché mi piace», Giacomo Debenedetti è un maestro assoluto. Le sue note editoriali sono succinte e piene di immaginazione, chiare e audacemente ironiche, attendibili ma mai prive del fascino leggero dell’occasione.
Il loro motore è una capacità di «far vedere» che apre agli occhi un mondo che l’autore vide nei libri amati. «Ci rivelano, in cauta proiezione, il suo autentico ‘far vedere’», scrive Sanguineti nella Nota al volume.

2012

La nuova diagonale n. 92

376 pagine

EAN 9788838926150

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Giacomo Debenedetti (1901-1967), amico e collaboratore di Pietro Gobetti negli anni giovanili, è stato scrittore di racconti e saggi critici. Il suo approccio ai grandi autori del Novecento (tra cui Proust, che fu tra i primi a introdurre in Italia), connette in modo originale discipline analitiche diverse e s’incentra sul motivo dell’identità e sulla crisi del personaggio. Opere maggiori: il fondamentale Romanzo del Novecento e il racconto 16 ottobre 1943, pubblicato da Sellerio nel 1993. Di Debenedetti questa casa editrice ha pubblicato anche Preludi. Le note editoriali alla «Biblioteca delle Silerchie» (2012).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy