Prometeo genetista. Profitti delle tecniche e metafore della scienza

Prometeo genetista. Profitti delle tecniche e metafore della scienza

Traduzione dal francese di Nicola Cusumano, Franco Giorgianni
Titolo originale: Prométhée généticien. Profits techniques et usages de métaphores
A cura di Franco Giorgianni

Con un saggio di Mauro Capocci

«Tutte le arti ai mortali vengono da Prometeo». Nella lettura classica Prometeo è l’eroe culturale che fa accedere i mortali alle arti tecniche, ma anche colui che permette agli umani di leggere il mondo fornendoli degli strumenti della decifrazione dei segni. È colui che quindi permette agli uomini di «farsi» tali, di ricrearsi in qualche modo, uscendo dallo stato ferino. Il mito che rappresenta la scienza, e insieme la superbia umana che supera i limiti, non solo strappando agli dei la creazione ma anche contrastando i capricci del Caso. In parallelo, se pur a distanza di millenni, scienze della vita e biotecnologie, l’ingegneria che permette la manipolazione del codice genetico, presentano caratteri che a quel racconto rimandano. Di nuovo, attraverso una semiotica (il DNA è tradizionalmente inteso appunto come un codice), all’uomo è dato di crearsi da solo: un’«antropopoiesi», un’autocreazione che consentirebbe alla scienza umana di sostituirsi anche alle leggi deterministiche del caso. «Dal punto di vista scientifico – scrive l’Autore – si potrebbe verosimilmente ammettere che l’uomo prenda il posto di Prometeo, ossia quello di Zeus. Ci si può domandare se l’uomo sia in grado, se non in diritto di sostituirsi alla potenza del caso che, nella tragedia greca, agisce spesso sotto la forma dellatyche, della sorte, buona o cattiva». Sono due rappresentazioni culturali che lontane nel tempo sembrano tornare a incontrarsi. Il Prometeo di Eschilo Esiodo e Platone, e il Prometeo, per così dire, genetista, oggi possono essere messi a confronto, tra filologia, antropologia e scienza, per illuminare rispettivamente le proprie implicazioni metaforiche, epistemologiche, ed anche etiche, cioè a dire le visioni dei limiti che gli uomini pongono all’umano.

2016

Nuovo prisma n. 94

172 pagine

EAN 9788838933233

In libreria da giovedì 18 febbraio

Autore

Claude Calame, già professore di Lingua e letteratura greca nelle Università di Losanna, Urbino e Yale, è attualmente directeur d’études all’École des Hautes Études en Sciences Sociales di Parigi. È internazionalmente noto per i suoi studi, tradotti in italiano, su Alcmane (Roma 1977 e 1984), l’eros nella Grecia antica (L’amore in Grecia, Roma 1984;I Greci e l’eros, Roma 1992), le forme del racconto poetico (Il racconto in Grecia, Roma 1988) e le poetiche del mito (Poetiche dei miti nella Grecia antica, Lecce 2011). Ha condotto ricerche antropologiche sul campo nella regione del Sepik in Papua Nuova Guinea. Alpinista per passione, la sua ultima monografia, in chiave ecologica e ambientalista, è intitolata Avenir de la planète et urgence climatique. Au-delà de l’opposition nature/culture, Fécamp 2015.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy