Le quattro Geografie. Habitat 2

Le quattro Geografie. Habitat 2

Le quattro Geografie. Habitat 2 è il secondo volume di un vasto lavoro di pensiero in cui il tema urbanistico e ambientale è situato dentro quello che l’autore denomina «elaborazione della Terra». Dimostrare il prezzo, in tutti i termini, della perdita di questo orizzonte di complessità, con la conseguente sovversione delle priorità centrate sulla persona umana, è uno degli scopi finali dell’opera, assieme alla proposta di una nuova, sapiente, appropriazione di complessità e organicità. In una parola: è la perdita dell’ilemorfismo (unità di materia e forma) nella visione della Terra messa in questione da Leonardo Urbani, con la proposta di una sua riattualizzata prospettazione nell’impegno urbanistico. Questo secondo volume problematizza direttamente l’idea e la cultura del progetto e si divide in quattro parti. Nella prima si affrontano tematiche di cui l’autore dichiara la necessaria eterogeneità d’approccio: «Ma questi sono oggi i materiali che riguardano la città, il territorio, e la loro vita» dato che dal semplice rapporto città campagna del secolo scorso, oggi tutto è diventato più complesso. La seconda parte riguarda il dualismo che separa le scienze e le azioni dell’uomo nell’elaborare la terra, dalla sua «capacità di trasferire nell’operare quella componente culturale che, ad esempio, è intrinseca nello stile»: dunque, la perdita, si potrebbe dire, di bellezza e armonia complessiva. La terza parte si occupa del recupero dell’ilemorfismo, «osservando come sia pericoloso il suo abbandono». Nella quarta parte finalmente si analizzano le cosiddette quattro Geografie: Geografia delle economie finanziarie, delle economie reali, del territorio (natura+storia), dell’uomo, della famiglia e della comunità; quanto sia artificiosa e innaturale la loro attuale organizzazione gerarchica che vede al primo posto la finanza; e, in conclusione «un gioco da bambino» mostra come rimettere con i piedi per terra le priorità: «I) Geografia dell’uomo, della famiglia e della comunità; II) Geografia del territorio (natura+storia); III) Geografia delle economie reali; IV) Geografia delle economie finanziarie».

Autore

Leonardo Urbani, Professore Emerito dell’Università di Palermo. Ha svolto attività di progettazione e studi territoriali, urbanistici e di architettura. Ha scritto, con Franco Rocca, Studio sulla localizzazione dell’industria in Sicilia, 1962; con Carlo Doglio, Programmazione e infrastrutture, 1964; La fionda sicula, 1972; Braccio di bosco e l’organigramma, 1960-1980. Con questa casa editrice ha pubblicato La città concreta (1980), Habitat (2003) e La quattro Geografie. Habitat 2 (2013). 

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽