Regina Coeli

Regina Coeli

La cronaca lucida e asciutta della prigionia del fondatore dell'Accademia Nazionale di Arte Drammatica descrive il clima torbido del dopo armistizio e ci dice molto di più su quell'arbitrio del potere che rimane la vera radice dell'oppressione.

«A queste celle dell'infermeria arriva il sole! E sia pure, per via dell'inferriate, il sole a scacchi: cosa c'è di più classico del netto disegno geometrico ch'esso traccia sul pavimento? Proprio incontro alle nostre finestre sta il favoleggiato quarto braccio, che i Tedeschi hanno preso in custodia. Vederlo non possiamo, a motivo degli schermi opachi: ma in certe ore ne sentiamo e respiriamo la vita. Le frasi in tedesco che schioccano fin qua non devono esser tutte di guardie e sentinelle; anche detenuti tedeschi devono esserci (forse disertori riacchiappati, austriaci), che alle volte cianciano e perfino gridano. Ma la più parte son di certo Italiani; fra i quali com'è noto, alcuni marinai colpevoli d'aver affondato la loro nave invece di consegnarla ai Tedeschi: si è risaputo che il loro comandante era stato senz'altro condannato a morte, ma l'esecuzione della sentenza è rimasta sospesa per l'intercessione del Papa. Ci son pure, fatto nuovo negli annali del reclusorio maschile, donne straniere e italiane: si dice, mogli d'alti ufficiali nostri, arrestate per rappresaglia in luogo dei mariti. E questo tenerle in promiscuità quotidiana con uomini, costrette alla vigilanza e all'assistenza, anche nei più bassi servizi, non di personale femminile ma di carcerieri, è un'altra cosa degna della teutonica civiltà».

Autore

Nato e vissuto a Roma (1887-1955), Silvio d’Amico è noto soprattutto come l’uomo del rinnovamento del teatro italiano negli anni '30 e '40. A lui si deve - oltre a un’attività quarantennale di critico militante documentata dai volumi La vita del teatro in corso di stampa presso l’editore Bulzoni - la fondazione dell’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica, la monumentale Enciclopedia dello Spettacolo, e una Storia del teatro drammatico, da oltre cinquant'anni sul mercato. Ma d’Amico si volse anche ad altri interessi, come testimoniano i saggi raccolti nei volumi Certezze, Dramma sacro e profano e Bocca della verità. Ha lasciato numerosi inediti tra i quali un romanzo (Le finestre di piazza Navona, pubblicato postumo da Mondadori nel 1961 e ristampato da Piemme nel 1991), un Diario di guerra (1916-17) e questo 'giornale' dei diciotto giorni da lui trascorsi nel carcere romano di Regina Coeli al tempo dell’occupazione nazista, pagine che vedono qui per la prima volta la luce.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy