Relazione sulle antichità degli indiani

Relazione sulle antichità degli indiani

Lingua originale: spagnolo
Titolo originale: Relación acerca de las antigüedades de los indios
A cura di Angelo Morino

Cronologicamente, il lavoro di Pané segue un episodio cruento di ribellione degli indigeni alle troppe vessazioni, il quale dovette spingere Colombo a ricredersi sul modello di indiano che sino a quel momento aveva coltivato e divulgato: un uomo nudo di costumi e di credenze, come una pagina bianca su cui l'Europa potesse incidere liberamente il proprio verbo.

La Relación acerca de las antigüedades de los indios fu completata, da fra' Ramón Pané, «povero eremita dell'ordine di San Gerolamo», su incarico dell'ammiraglio Cristoforo Colombo, nel 1498. È dunque il primo testo redatto in America, ed è il primo che cerchi di fare riassunto, se non indagine, della cultura degli indiani, loro credenze e riti. Cronologicamente, il lavoro di Pané segue un episodio cruento di ribellione degli indigeni alle troppe vessazioni, il quale dovette spingere Colombo a ricredersi sul modello di indiano che sino a quel momento aveva coltivato e divulgato: un uomo nudo di costumi e di credenze, come una pagina bianca su cui l'Europa potesse incidere liberamente il proprio verbo. Sicché, come osserva nella sua Nota al volume Angelo Morino, la Relazione deve essere letta anche come il sintomo del primo nascere di una strategia verso i diversi: «meglio conoscerli, per meglio dominarli». Ma Pané, di fronte allo spettacolo, che per un uomo del tempo doveva essere grandioso, di una cultura meravigliosamente diversa, non sembra mostrare incanto né stupore. E all'incantato lettore d'oggi resta da chiedersi quale astuzia della storia, o quale eterogenesi dei fini, abbia affidato a mani tanto rozze il passaggio dalla vecchia età alla nuova.

Autore

Consegnata a Cristoforo Colombo tra il 1498 e il 1500, e da questi portata in Spagna, l'opera di Pané è andata poi perduta nell'originale, ma conservata in estratti, rifacimenti e traduzioni. Sulla base dei quali è stato possibile a José Juan Arrom ricostruirne criticamente il testo nel 1974. Sul testo ricomposto da Arrom, senza trascurare le altre fonti, è condotta la presente versione in italiano di Angelo Morino.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy