Retablo

Retablo

Con 5 disegni di Fabrizio Clerici

«Con questo racconto Vincenzo Consolo raggiunge una sua perfezione e compie, nella tradizione della narrativa siciliana, una specie di "rovesciamento della praxis" realistica che a questa tradizione è peculiare» (Leonardo Sciascia).

«Retablo» – dice uno dei più sintetici e usuali dizionari della lingua castigliana - è «conjunto de figuras que representan la serie de una historia ò suceso»: e la scegliamo, questa definizione, che può sembrare angusta come quella che invece sottrae la parola all'ambito della pittura, cui appartiene, per vagamente sconfinarla nel campo della letteratura e, qui ed ora, in questo racconto cui dà titolo. Perché «retablo» è questo racconto non soltanto per il suo alludere alla pittura e, con quasi medianico gioco à rebours, a un pittore; ma per il suo svolgersi in figure di incantata e incantevole fissità, pur circonfuse di un movimento, di un cangiare e trepidare di linee, di colori, di eventi luministici che si direbbe aspirino, al di là delle parole, ma restando certa ogni parola, a una più ineffabile condizione. Sicché si può dire, per quel che vi si svolge e per come è scritto, che questo racconto è come un miracolo: il che, per altro esattamente si conviene alla parola «retablo», di solito i «retablos» in pittura rappresentando sequenze di fatti miracolosi. Con questo racconto Vincenzo Consolo – cui già La ferita dell'aprile, Il sorriso dell'ignoto marinaio, e altre cose sparsamente pubblicate assegnavano una situazione di notevolissima e appartata presenza nella letteratura italiana d'oggi - raggiunge una sua perfezione e compie, nella tradizione della narrativa siciliana, una specie di «rovesciamento della praxis» realistica che a questa tradizione è peculiare.

Autore

Vincenzo Consolo (Sant’Agata di Militello, 1933-Milano 2012) ha pubblicato con Sellerio il romanzo Retablo (1987, Premio Grinzane Cavour 1988), e i saggi La pesca del tonno in Sicilia (1986), Vedute dello stretto di Messina (1993) e (con Giuseppe Voza e Salvatore Russo) La terra di Archimede (2001); oltre a numerosissime introduzioni, prefazioni e note critiche.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy