Riflessioni, memorie, diari

Riflessioni, memorie, diari

Lingua originale: russo
Traduzione di Valerij Voskobojnikov, Romeo Ceccarelli Paxton
Titolo originale: Razmyšlenija, vospominanija, dnevniki. Izbrannye stat'i. Pis'ma k roditeljam
A cura di Valerij Voskobojnikov
Introduzione di Miliza Neuhaus

«Ciò che vive costantemente nei miei pensieri e nei miei sentimenti»: lungo lo scorrere del secolo la memoria del maestro di molti dei grandi interpreti della musica del Novecento.

Amico di Rubinstein e di Pasternak, Heinrich Neuhaus è uno dei «viaggiatori del secolo». Musicista, pianista celebre costretto a diradare e poi interrompere le esecuzioni pubbliche a causa di una malattia, tanto popolare nella sua patria russa da venir fermato per strada, è stato per oltre quarant'anni il maestro dei più grandi interpreti usciti dal Conservatorio di Mosca: Richter, Radu Lupu, Emil Gilels, tra gli innumerevoli altri; tutti studiarono con lui e alla sua amicizia e alla sua autorevolezza critica restarono legati. Scrisse un'opera, L'arte del pianoforte che è uno dei punti di riferimento definitivi della disciplina dello strumento. Riflessioni, Memorie, Diari raccoglie la testimonianza della sua esperienza di uomo e artista. Sono testi, per così dire intimi - compresi quelli che egli sottoponeva ad autocensura per sfuggire al sospetto della burocrazia sovietica -, una vita spirituale eccezionale come scrutata dall'interno: qualcosa di più straordinario che ricordi autobiografici. Neuhaus preferì il termine autopsicografia: «Ciò che vive costantemente nei miei pensieri e nei miei sentimenti»: e su di essi, ottant'anni di vita da protagonista della musica incidono le loro immagini. Dalle speranze, gli sconforti, i furori giovanili di studente di Firenze e Berlino; agli incontri, gli aneddoti, gli attriti dell'ambiente dei grandi; al lavoro di formazione dei giovani talenti; e poi i giudizi sui grandi compositori e interpreti che conobbe e seguì, o che studiò da pianista. E le ripercussioni, sulla vita di un artista, dei rivolgimenti e drammi politici del Novecento - e, per un periodo oscuro nello stalinismo, delle persecuzioni. E su tutto, oggetto di interminabile analisi e autoanalisi, il dramma - di passioni sentimenti e intelletto - dell'incontro tra l'interprete e il testo musicale.

2002

La nuova diagonale n. 41

420 pagine

EAN 9788838917424

Non disponibile

Autore

Heinrich Neuhaus (Genrich Gustavovič Nejgauz, 12.4.1888 - 10.10.1964) è nato a Elisavetgrad (oggi Kropivnizkij, Ucraina) in una famiglia di insegnanti di pianoforte di origine tedesca e polacca. Dal 1922 fino alla morte ha insegnato al Conservatorio di Mosca, creando una propria scuola che ha prodotto centinaia di pianisti, interpreti e didatti che hanno ereditato dal loro Maestro la sua vasta cultura europea, lo spirito di libera creatività ed un altissimo livello professionale artistico, non solo dal punto di vista virtuosistico ma anche espressivo. Di Neuhaus questa casa editrice ha pubblicato Riflessioni, memorie, diari (2002) e L'arte del pianoforte (2017).

 

 

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy