Route El Fawara Hammamet

Route El Fawara Hammamet

Gli anni di Hammamet, gli ultimi di Craxi, raccontati dal figlio: intrisi di vita e di politica, di piccole gioie e grandi dolori, di speranze e frustrazioni, lasciano emergere segreti e verità rimosse.

Strada della fonte, Hammamet. Si chiama ancora così, in un misto d'arabo e francese, pur se un vialone a quattro corsie ha intanto preso il posto della mulattiera che portava alla collina «degli sciacalli e dei serpenti» dove si ergeva Dar Craxi. Per sei lunghi anni, Route El Fawara è stato l'indirizzo di Bettino Craxi. L'indirizzo del suo esilio, che il figlio Vittorio detto Bobo ha condiviso a lungo e intensamente dopo che il padre, nella caduta di quel burrascoso 1993, lo aveva «arruolato». Qui il figlio racconta a Gianni Pennacchi quegli anni, gli ultimi del leader socialista, intrisi di vita e di politica, di piccole gioie e grandi dolori, di speranze e frustrazioni, lasciando emergere i segreti che ormai possono essere consegnati alla Storia e le verità rimosse che ancora inquietano la vicenda politica italiana. Costretto ad Hammamet, Bettino Craxi è un isolato, un ex. Ma un ex che ragiona e congettura a tempo pieno, rimugina e rilancia. E soprattutto è decisamente lucido. Lucido anche a ritroso, e capace di formidabili storicizzazioni. In questa sua estrema e drammatica stagione della vita, Bettino Craxi sa guardarsi dentro con il suo ben noto rude realismo. Pagine agili e incalzanti, che rendono un ritratto complesso e particolareggiato dell'Uomo di Hammamet. Per scoprire infine che il filo conduttore del racconto era già quello indicato da un poeta tunisino, Abdelwahab Meddeb, che insegna: «L'esilio non è un castigo, ma è una ricerca».

Autore

Bobo Craxi
Vittorio «Bobo» Craxi è nato a Milano ed ha 39 anni. È stato consigliere comunale della sua città dal 1990 al 1993, ed è ora deputato della Repubblica, eletto nel 2001 a Trapani. È dirigente nazionale del nuovo Psi. Vive fra Roma, la Sicilia e le Tunisia. Gianni Pennacchi (Latina, 1945), vive a Roma e fa il giornalista. Ha iniziato alla «Fiera letteraria», ha lavorato a «Stampa Sera» e poi all'«Indipendente». Dal 1995 è al «Giornale», che lo ha inviato ad Hammamet per la prima volta nel settembre del 1999.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy