Il Sacro Graal. Tra mito, leggenda, letteratura e storia

Il Sacro Graal. Tra mito, leggenda, letteratura e storia

L'avventura e il mistero del Sacro Graal, figura mitica cangiante: di volta in volta calice, piatto, pietra e altro ancora. Uno studio completo e innovativo che trascina il lettore.

In tutto, la prima fonte del Sacro Graal, da cui letterariamente nasce l'avventura e il mistero del calice di Gesù, è racchiusa in un piccolo nucleo di romanzi prodotti in non più di una cinquantina d'anni (dalla seconda metà del XII secolo alla prima del XIII). Eppure da allora se ne parla e l'incidenza e l'influenza di questa figura mitica persistente - e cangiante: di volta in volta calice, piatto, pietra e altro ancora - dura quanto l'intero arco della civiltà occidentale europea. Oltre che la fantastica cerca (i suoi episodi, le sue fonti, i suoi diversi significati) l'oggetto di questo vastissimo studio è appunto quella domanda: come mai una così ingombrante e radicata presenza? Per rispondere l'autore compie del Graal un'esplorazione spettacolare, minuziosa, spericolata verrebbe da dire per la quantità di luoghi visitati (cartacei, ideologici, religiosi, geografici, storici, letterari). Renda è uno studioso di impostazione junghiana, per cui a sorreggere il suo sforzo di ricerca di una vastità più unica che rara, vi è la considerazione del Sacro Graal come di una realtà, poiché ogni fenomeno psicologico è vero e reale per lo psicologo analitico; una realtà viva più di un oggetto materiale, per la sua ricchezza di cause e circostanze, nell'universo dell'Inconscio collettivo.
«Forse il Sacro Graal e le sue leggende rappresentano il tentativo dell'umanità del tempo di "costruire" una nuova mitologia inerente, in maniera più o meno simbolica e occulta, ai valori del mondo cristiano, pagano, musulmano ed ebraico (cioè di tutto il mondo allora conosciuto). Una sorta di "griglia mitologica" dove inserire contenuti pagani che la tradizione popolare, convertita al Cristianesimo, non poteva cancellare del tutto, e valori ebraici e musulmani che solo attraverso la simbologia potevano, per quanto velatamente, essere trasmessi in un mondo sempre più cristiano».

Autore

Emilio Renda (Mazzarino, Caltanissetta, 1952), psichiatra di formazione junghiana, si è occupato a lungo di tossicodipendenze. Vive e lavora a Verona. Ha scritto Droga. Immaginario e realtà, Armando, 1999.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy