Il segreto

Il segreto

Lingua originale: francese
Titolo originale: Olivier ou le secret
A cura di Daria Galateria

Un romanzo epistolare che si svolge secondo la logica interna ai salotti della Restaurazione. Sussurrato mai esplicitamente, volgarmente dichiarato, il segreto impedisce il coronamento di un amore.

«In quel giro di anni esisteva a Parigi Madame la Duchesse de Duras, una gran signora che teneva in casa sua un salotto politico e letterario» racconta Tomasi di Lampedusa nelle Lezioni su Stendhal. «A forza di frequentare poeti e romanzieri Madame de Duras venne assalita dalla voglia di scrivere e pubblicò, anonimi, due romanzi, Ourika ed Edouard, che occupano un posto non spregevole nella letteratura secondaria di questo ricchissimo periodo letterario. Incoraggiata dal successo, che era stato grande, Madame de Duras scrisse una terza opera, Olivier, nella quale la sua tendenza ad analizzare, "amori impossibili" raggiunse il punto limite: si trattava della storia di un amore che non poteva portare a nulla, non già per ragioni razziali o sociali ma per irreparabili motivi fisici. «L'arditezza dell'argomento era, per quei tempi, eccessiva. E la prudente Madame de Duras non fece pubblicare Olivier, ma si contentò di farne circolare un manoscritto fra i suoi amici letterati. «Un certo Monsieur de Latouche immaginò di scrivere lui un romanzo sotto quel titolo e che si occupava dello stesso argomento; e lo fece stampare, anonimo, presso lo stesso editore e con l'identico frontespizio con il quale erano state presentate le precedenti opere di Madame de Duras. «L'infelice signora rimase assai male e rinnegò pubblicamente la paternità del romanzo; e, con l'ausilio di questo scandaletto, il romanzo ebbe grande voga». «Ma in agguato vi era Stendhal; la lettura del romanzo di Latouche (e forse quella del manoscritto di Madame de Duras) scatenò in lui il consueto procedimento d'improvvisazione basata su lunghe meditazioni anteriori. In dodici giorni scrisse anche lui un romanzo, intitolato anch'esso Olivier, e che trattava l'identico tema. Il romanzo fu subito venduto per mille franchi all'editore Coulson il quale consigliò il cambiamento del titolo in Armance, e quello del nome del protagonista in Octave. «I mille franchi (circa un milione di lire attuali) servirono a Stendhal per fare una scappata nella adorata Italia».

Autore

Madame de Duras, emigrata a Londra durante la rivoluzione francese, fu dopo la Restaurazione al centro del più vivace salotto letterario di Parigi. Fu la più appassionata e infelice delle amanti del romantico francese Chateaubriand.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy