Sei valigie

Sei valigie

Traduzione dal tedesco di Giovanna Agabio
Titolo originale: Sechs Koffer

Questa traduzione è stata realizzata con il contributo del Goethe-In stitut finanziato dal Ministero degli Affari Esteri tedesco.

Una famiglia di ebrei russi che scappa dall’Est all’Ovest. Un uomo condannato a morte, forse tradito da uno dei propri figli. Misteri e dicerie che si tramandano di generazione in generazione. Maxim Biller trasforma in romanzo la storia della sua famiglia, per svelarne gli enigmi.

Chi ha tradito il nonno Schmil, capostipite della famiglia Biller? Forse uno dei suoi affascinanti e talentuosi figli, o la sua ambiziosa nuora, oppure è stato lui stesso causa della sua morte, per i continui traffici al mercato nero. Nella primavera del 1960 Schmil viene arrestato all’aeroporto di Mosca per contrabbando di valuta e giustiziato di lì a poco. Qualcuno deve averlo denunciato al KGB, Schmil non è nuovo a tali commerci, e nella cerchia familiare cominciano a circolare sospetti su chi di loro possa essere stato l’autore, volontario o involontario, della delazione.
Maxim Biller sublima in tensione narrativa l’atmosfera di totale insicurezza e di reciproca diffidenza che si genera in ogni regime totalitario, dove l’individuo è alla mercé di qualunque voce o supposizione. Attorno all’evento cruciale si confrontano sei punti di vista differenti e divergenti, alternati e mescolati alle esperienze personali dell’autore, che è nipote di Schmil. Sullo sfondo il confronto Est-Ovest durante la Guerra Fredda, l’antisemitismo dilagante, la disperata disgregazione dei rapporti umani alla prova di uno stato di polizia. I personaggi, smarriti tra i grandi avvenimenti della storia e le piccole miserie della quotidianità, sono esposti alla devastante violenza degli eventi, i dubbi si acuiscono puntandosi sull’uno o sull’altro componente della famiglia, le rivelazioni alimentano l’ambiguità, sembrano suggerire l’intercambiabilità delle possibili motivazioni, rafforzando ogni incertezza e scarto di prospettiva, disfacendo il tessuto degli affetti e della fiducia reciproca. Per salvare la propria vita si può essere costretti a scelte drammatiche e crudeli, si può tradire o diventare eroi. Ma i personaggi di Biller sono solo uomini e donne impegnati a vivere e sopravvivere, mentre attorno a loro scorre la storia d’Europa del secondo dopoguerra con le sue contraddizioni e le sue speranze, che proiettano in controcampo un racconto delle lacerazioni che ancora dilaniano il nostro mondo.

2020

Il contesto n. 107

168 pagine

EAN 9788838940231

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Nato a Praga nel 1960 da genitori russi ebrei, Maxim Biller è emigrato con la famiglia in Germania e oggi risiede e lavora a Berlino. La sua opera si impernia in modo particolare sulle relazioni tra ebrei e tedeschi. Critico letterario, scrive sulle pagine della Frankfurter Allgemeine Zeitung, della Zeit, di Rolling Stone. Negli anni ’90 tiene regolarmente una rubrica satirica di grande successo dal titolo Cento righe di odio. I suoi testi sono apparsi anche sul New Yorker ed è considerato uno dei narratori tedeschi più appassionanti e imprevedibili. In Italia ha esordito con Taci, memoria (L’orma),tradotto in numerose lingue.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽