I sicari di Trastevere

I sicari di Trastevere

Nel freddo Carnevale del 1875, Raffaele Sonzogno, della dinastia della prestigiosa casa editrice, viene ucciso a coltellate nel suo ufficio. Il delitto si presenta subito ambiguo: da un lato, sembra la congiura di una banda scalcinata della malavita di Trastevere; dall’altro potrebbe essere la coda di una scandalosa storia di adulteri. Ma entrambe le ipotesi sembrano condurre a mandanti ben più in alto nella gerarchia sociale.
I sicari di Trastevere oltre ad avere l’andamento e il ritmo del giallo, è un racconto storico straordinariamente efficace.

Un giornalista viene ucciso nel freddo Carnevale del 1875. Diciassette pugnalate, lui solo nella redazione del quotidiano La Capitale che dirige. È Raffaele Sonzogno, nipote del fondatore della grande casa editrice: milanese, uomo della sinistra senza timori reverenziali e senza sotterfugi, è venuto a Roma a fare la sua parte nella lotta per le imminenti decisive prove elettorali. Il delitto si presenta subito ambiguo: da un lato, sembra la congiura di una banda scalcinata della malavita di Trastevere; dall’altro potrebbe essere la coda di una scandalosa storia di adulteri. Ma entrambe le ipotesi sembrano condurre a mandanti ben più in alto nella gerarchia sociale. Indagano un onesto delegato di polizia e il giovane cronista Filandro Colacito: dietro di loro, però, vegliano i superiori – forse per insabbiare, forse per depistare.
Sono gli ultimi mesi del potere della Destra storica, già si profila all’orizzonte il governo della Sinistra. Due diverse concezioni dell’Italia, due modi di rapportarsi al popolo e di guardare verso i tempi moderni. E quanto più sono autoritari e inesorabili i modi del morente regime, tanto più spregiudicati gli esperimenti di affari e clientela del gruppo emergente assetato di novità e sospinto da ceti fino a ieri esclusi. Di questa Roma, già dominio del Papa Re e divenuta palcoscenico di una torbida rivoluzione all’italiana, I sicari di Trastevere è una versione in nero, potremmo dire che ne è il «romanzo criminale».
E del romanzo criminale tutto è presente: il bullo di quartiere e il giovane leader carismatico, la ragazza del popolo incalzata dalla miseria e l’aristocratica ribelle su su fino ai principi della chiesa che si sporgono ad annusare il nuovo Stato, passando per giornalisti sospesi tra denuncia, idealismo e manipolazione, tipografi coraggiosi, speculatori e oscuri comitati d’affari, tradimenti di ogni tipo, ricatti, violenze e delitti.
Di questo libro però non affascina solo l’intricata trama gialla, il quadro storico, gli ambienti, la scrittura svelta e ironica o la folla di protagonisti presi dalla vita reale. Roberto Mazzucco rivela una straordinaria capacità di scultura psicologica, dei personaggi e dei loro sentimenti, dall’ambizione all’amore alla vendetta. E si resta stupiti di quante narrazioni, anche attuali, si possano leggere in questo romanzo di venticinque anni fa: era talmente in anticipo sui tempi da sembrare scritto oggi. 

2013

La memoria n. 927

288 pagine

EAN 9788838930607

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Roberto Mazzucco (1927-1989) è stato commediografo e storico del teatro (L’avventura del cabaret, 1976). Fra le sue opere, rappresentate in vari paesi d’Europa e negli Stati Uniti, La periferia, Tre italiani e Voci in casa (1957), Nozze d’oro (1960), L’andazzo (1963), Come si dice (1964) e La formidabile rivolta (1978). È stato anche traduttore, autore di racconti e programmi radiofonici e sceneggiatore televisivo (La volpe e le camelie, 1966, Signora Ava, 1975, Lo scandalo della Banca Romana, 1977). I sicari di Trastevere è rimasto il suo unico romanzo. Avrebbe voluto scriverne altri.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy