Sicilia 1898. Note di una passeggiata ciclistica

Sicilia 1898. Note di una passeggiata ciclistica

A cura di Vittorio Cappelli

2 illustrazioni in bicromia, 7 tavole a colori fuori testo, 11 tavole in bicromia fuori testo

«La suprema poesia di un paese come la Sicilia strappa al viaggiatore capace di intenderla dei brandelli del suo essere, e li trattiene dove il caso lo ha condotto a peregrinare. Siracusa e Girgenti, Selinunte e Taormina, l'Etna e Segesta sono amanti esigenti. Esse ci rubano per sempre un po' della nostra anima, incatenano in eterno un po' dei nostri ricordi. A compenso del loro sorriso, filtrano in noi, imperituro, un desiderio tormentoso di correre di nuovo ai loro incanti (Luigi Vittorio Bertarelli)». 

Luigi Vittorio Bertarelli (Milano, 1859 – 1926) è stato un geografo e speleologo italiano. Nel 1894, insieme con Federico Johnson e con altri cinquantacinque velocipedisti fonda il Touring Club Ciclistico Italiano, provocando il fastidio e il disgusto di chi vedeva nel velocipede poco più che una diavoleria, buona soltanto per grottesche gare sportive. Bertarelli invece si lancia in una frenetica attività allo scopo di promuovere in Italia il cicloturismo. È per l'appunto il cicloturismo ad associare per la prima volta al viaggio il mito dello spazio divorato, della velocità inebriante, grazie all'uso di una "macchina" su cui si misura la "mascolina" efficenza del viaggiatore. La bicicletta è la carta vincente del viaggiatore sportivo di fine Ottocento poichè consente un rapporto fisico diretto col territorio. Non è un caso che Bertarelli, negli anni pionieristici della fondazione del cicloturismo, si sia dedicato ben presto alla scoperta dell'estremo Sud e delle isole. Il diario del suo viaggio di ricognizione in bicicletta rivela il viaggiatore Bertarelli, misuratore attento e infaticabile di pendenze e dislivelli, descrittore minuzioso di strade ed itinerari ciclistici - tanto da far dire che «a lui si deve la scoperta dell'"Italia clivometrica" -, quando il ciclismo era considerato poco più che una bizzarra provocazione».

Autore

Luigi Vittorio Bertarelli (Milano, 1859 - 1926), industriale e grande viaggiatore, fu ciclista, podista, speleologo e alpinista. Nel 1894 fondò, con un manipolo di "velocipedisti", il Touring Club Ciclistico Italiano e ne fu l'animatore instancabile e il principale dirigente, promuovendone tutta la produzione cartografica e la pubblicazione delle principali guide d'Italia. Sulla Rivista mensile del Touring pubblicò centinaia di articoli e fotografie, rivelando le sue doti di scrittore e fotografo. Autodidatta, nutrito dello spirito illuminista lombardo e del positivismo di fine Ottocento, fu autore anche di affascinanti diari di viaggio nelle regioni meridionali, rimasti semisconosciuti.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽