La signorina Cormon

La signorina Cormon

Traduzione dal francese di Francesco Monciatti
Titolo originale: La vieille fille
A cura di Pierluigi Pellini

Una cittadina della Bassa Normandia, Alençon, microcosmo della vecchia Francia, una donna non più giovane senza marito: sono i protagonisti di questo romanzo breve di Balzac, un’altra tessera di quell’impareggiabile - e ancora in parte inesplorato - mosaico che è la Commedia umana.

«Molte persone devono aver avuto la ventura di incontrare in alcune province di Francia un certo numero di cavalieri di Valois, poiché ne esisteva uno in Normandia, se ne trovava un altro a Bourges, un terzo nel 1816 prosperava nella città di Alençon, e forse il Midi era provvisto del suo. Ma l’enumerazione di questa tribù valesiana non ha qui alcuna importanza. Tutti questi cavalieri, alcuni dei quali erano forse Valois come Luigi XIV era Borbone, si conoscevano tanto poco che non aveva alcun senso parlare degli uni agli altri. Tutti, d’altronde, lasciavano perfettamente tranquilli i Borboni sul trono di Francia, perché è fin troppo noto che Enrico IV divenne re per mancanza di un erede maschio nel ramo principale della casa di Orléans, detto di Valois».

 

«Una delle mie cose migliori» diceva Balzac di questo La signorina Cormon (La vieille fille, 1836), qui per la prima volta tradotto in italiano. È «la storia, esilarante non meno che crudele» – scrive il curatore – di una ricca provinciale, non più giovane ma piena di desideri, che vuol prendere marito; indecisa tra due pretendenti, un nobiluomo squattrinato e leggero e un borghese grossolano, sceglie il peggio per lei. Con tutta l’ampiezza di temi e personaggi e la sovrabbondanza realistica che gli appartengono, «Balzac esplora psiche, corpo, pulsioni femminili con acutissima, affascinata curiosità», e fonde triviale e sublime, patetico e grottesco. «Certo – ammetteva Marcel Proust – ammiro l’immenso affresco delle Illusioni perdute e di Splendori e miserie, ma questo non mi impedisce di considerare almeno altrettanto grandi Il parroco di Tours, o La signorina Cormon, o La ragazza dagli occhi d’oro».

2015

Il divano n. 296

400 pagine

EAN 9788838932946

In libreria da giovedì 26 febbraio

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Honoré de Balzac (1799-1850), romanziere francese, riunì tutti i suoi romanzi in un'unica opera, Commedia umana, organizzandoli come parti autonome, ma complementari, di un quadro d'insieme che doveva essere «esatta rappresentazione dei costumi della società moderna». L'influsso di Balzac sullo sviluppo della letteratura realista e naturalista è stato grandissimo. Questa casa editrice ha pubblicato Massimilla Doni (1990), Un caso tenebroso (1996), Massime e pensieri di Napoleone (2006), Il parroco di Tours (2006), La signorina Cormon (2015) e Albert Savarus (2017).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy