La soffitta del Trianon

La soffitta del Trianon

I due racconti della Soffitta del Trianon dicono del desiderio di confondere spettacolo e vita reale. Protagonisti sono un bambino ed un barbiere pugile o mitomane.

Nei miti che la società dello spettacolo inscena vi è di nuovo che ognuno di essi ha luogo fisicamente in qualche posto raggiungibile con mezzi possibili: un set, un palcoscenico, uno studio, un ring o un campo o una pista, una casa magnifica, una stanza dei bottoni o una redazione. Forse per questo assistiamo allo sforzo dei personaggi di uscire nella vita (come gli effetti speciali e la spettacolarità tecnologica testimoniano, o un film come La rosa purpurea del Cairo di Woody Allen direttamente rappresenta). E viviamo il desiderio identico e contrario, degli spettatori di uscire dalla vita nello spettacolo. Del desiderio di consunstanziare e confondere spettacolo e vita dicono i due racconti della Soffitta del Trianon. E lo dicono sobriamente, senza sottintesi di sociologia o finzioni, narrando due storie, di un bambino e di un barbiere pugile o mitomane del vicino dopoguerra, quando il convergere di vita e spettacolo serbava ancora una misteriosa poesia.

Autore

Roberto Romani, nato a Monsummano (Pistoia) nel 1940, è giornalista. I due racconti della Soffitta del Trianon sono i suoi primi testi di narrativa pubblicati.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy