Il sottotenente Summenzionato

Il sottotenente Summenzionato

Lingua originale: russo
Traduzione di Renzo Oliva, Giuliana Raspi
A cura di Victor Zaslavsky
Nota di Giuliana Raspi

La verità che improvvisamente diventa colpa è la qualità peculiare del terrore di massa. Le accuse dei delatori, che conferiscono al potere gli strumenti per rimodellare i comportamenti comuni, sono anche paradossali testimonianze di verità.

«Sono due rappresentanti del popolo che un bel giorno arrivano a Grenoble e qualche tempo dopo pubblicarono una lista di 152 notoriamente sospettati (di non amare la Repubblica, cioè il governo e la patria) e di 350 semplicemente sospetti. I notoriamente dovevano essere imprigionati; quanto ai semplicemente, dovevano essere semplicemente sorvegliati... Mio padre attribuì la comparsa del suo nome sulla lista fatale a un'antica rivalità con Amar... 'Ma' , dissi a mio padre 'Amar ti ha messo sulla lista come notoriamente sospetto di non amare la Repubblica, mi sembra che sia certo che tu non l'ami'. A queste parole tutta la famiglia arrossì di collera..». In questa pagina della Vita di Henry Brulard, Stendhal rivela una qualità, forse la peculiare del terrore di massa: le accuse del terrore sono accuse irresistibilmente vere: una verità che improvvisamente diventa colpa e conferisce al potere una specie di legittimità ed equità per rimodellare i comportamenti comuni. Dal dispotismo zarista e dai documenti cui attingeva per i suoi romanzi storici, e soprattutto per il «Trittico degli imperatori» (di cui qui presentiamo due racconti, Il sottotenente Summenzionato e Il giovane Vitušišnikov), Tynjanov traeva potenti e grottesche rappresentazioni. Ed esse hanno aggiunto, per la prima volta nella storia letteraria, e mirabilmente, all'intuizione stendhaliana il suo conseguente corollario: «l'estasi della delazione», che nei momenti del terrore di massa non è soltanto il gusto ignobile della denuncia, ma anche un modo, quasi religioso, di testimoniare, appunto, la verità.

Autore

Jurij Tynjanov (1894-1943) esponente di primissimo piano del Formalismo russo, oltre agli scrittori teorici (raccolti nel 1929 nel volume Arcaisti e innovatori) ha lasciato romanzi e racconti storico-biografici rigorosamente fondati sullo studio dei documenti e degli ambienti d'epoca: Kjuchlja (1925), Morte del Vazir Muchtar (1929), e l'incompiuto Puškin. I tre racconti del «Trittico degli imperatori», Il sottotenente Summenzionato, Il giovane Vitušišnikov e Il personaggio di cera, ricostruiscono letterariamente tre episodi realmente accaduti.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy