Specchi del letterario: l'imagologia

Specchi del letterario: l'imagologia

Le immagini culturali e letterarie, ovvero gli schemi e le categorie (inclusi pregiudizi, cliché, luoghi comuni) mediante i quali l’essere umano tenta di rappresentare fedelmente le realtà con cui è in rapporto, possono essere sottoposte a indagine da almeno due punti di vista. Da un lato perché forme della rappresentazione dell’alterità, come manifestazioni dell’interesse dell’uomo verso l’Altro e quindi espressioni di tutte le operazioni, compreso il rispecchiamento di se stessa, con cui ogni cultura investe le altre. Dall’altro per il ruolo interno che le immagini rivestono in un testo, le funzioni svolte, i condizionamenti che esercitano sul testo letterario, i loro rapporti con i codici linguistici. «Lo studio delle immagini letterarie – scrive Paolo Proietti – sotto il termine di imagologia ha sviluppato proprie specificità metodologiche, nonché una specifica settorialità terminologica derivata. Superando critiche severe mosse da parte di molte, autorevoli voci della letteratura comparata, l’imagologia si è stabilmente, e rispettabilmente, guadagnata il proprio spazio nel ricco ‘protocollo’ operativo di cui si è dotata nel tempo la letteratura comparata. Ricostruire la genesi di questi studi, rilevarne i punti di relazione con la letteratura comparata, indagare alcuni concetti operativi sui quali si fonda questa pratica critico-letteraria e prospettarne i campi di applicazione nel quadro di una più ampia riflessione letteraria, sarà l’obiettivo dei capitoli che seguono».

Autore

Paolo Proietti è Professore ordinario di Letteratura comparata nell’Università IULM di Milano. Studioso di formazione comparatistico-letteraria (in particolare nelle aree della francesistica, anglistica e scandinavistica) è autore di studi e saggi nell’ambito della letteratura di viaggio, dell’imagologia e della traduzione letteraria. È Direttore della Scuola Superiore per Mediatori Linguistici «Carlo Bo». Fra le sue altre pubblicazioni, si ricordano, con questa casa editrice, Irlandesi (1999), Le città di carta (2002) e Il grado zero dell’immagine (2007), entrambi con Gianni Puglisi, Paradossi del Novecento. Influenze e ricezioni letterarie (2004), L’Europa nel terzo millennio. Identità nazionali e contaminazioni culturali (2004), Specchi del letterario: l’imagologia (2008). Ha curato, insieme a Gianni Puglisi, l’edizione italiana di Letteratura comparata (2001-2002), in tre volumi, nonchè Lineamenti di letteratura europea, in due volumi, (2005-2006), presso l’editore Armando.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy