Lo spettatore musicale

Lo spettatore musicale

Con America di Kafka sottobraccio, Theodor W. Adorno sbarcò a New York il 23 febbraio 1938, e, come Karl Rossmann, protagonista del romanzo, vide la Statua della Libertà innalzare una spada. Un brivido gli passò per la schiena. Al porto lo attendeva il sociologo viennese Paul Lazarsfeld, direttore del Princeton Project (sull’uso della musica alla radio), che lo aveva ingaggiato. Preso dalla lettura di America, Adorno scambiò la sede, a Newark, del Princeton Project, per il teatro naturale dell’Oklahoma e si immedesimò in Karl Rossmann sino a condividerne la sorte: Karl si era offerto come attore ma venne ingaggiato dal teatro come operaio. Adorno si attendeva che al Princeton Project gli chiedessero delle «intuizioni centrali» su musica e società; gli chiesero invece delle «informazioni utili». Indignato, all’ombra della spada che Kafka gli aveva fatto vedere e della sventura che quella spada minacciava, si recò in California per scrivere con Horkheimer Dialettica dell’Illuminismo. L’intuizione centrale che Lazarsfeld non gli chiese argomentava la musica come fattore di crisi e non di ricomposizione sociale.
I saggi che Piero Violante mette in sequenza in questo libro – quasi un omaggio a Adorno a cinquant’anni dalla morte – insistono su quella intuizione secondo cui la musica austrotedesca, a partire da Schubert, è profezia e protocollo della malaise del moderno; evidenziano la complessa e ambigua dimensione sociale e politica della musica in due «ferite»: la Grande Guerra e Auschwitz; s’interrogano sul protonazismo che Wagner anticipò nei suoi scritti per sostenere una nazionalizzazione delle masse all’insegna dell’antisemitismo; si soffermano sull’esemplare resistenza alla musica-crisi di Richard Strauss e di Erich Korngold: l’ultimo enfant prodige del mondo di ieri che con maestria caramellò il morbide fin de siècle.

 

2021

La nuova diagonale n. 128

240 pagine

EAN 9788838940309

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Piero Violante (Bagheria 1945), politologo e giornalista, già direttore del Dipartimento «Gaetano Mosca», ha insegnato Storia del pensiero politico e Sociologia della musica presso l’Università di Palermo. Critico musicale de «la Repubblica»; dirige il semestrale on line di storia delle idee www.intrasformazione.com. Autore di numerosi saggi, con Sellerio ha pubblicato: Eredità della musica. David J. Bach e i concerti sinfonici dei lavoratori viennesi, 1905-1934 (2007), I papillons di Brahms (2009), Swinging Palermo (2015), Lo spettatore musicale (2021).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽