Storia tascabile della letteratura italiana

Storia tascabile della letteratura italiana

Nota di Beppe Benvenuto

«Non vi fidate mai interamente di nessuna storia letteraria, compresa la mia. Ma questa vi servirà a farvene una vostra» (Giuseppe Prezzolini).

«Non vi fidate mai interamente di nessun consiglio, di nessuna autorità, di nessuna storia letteraria, compresa la mia. Ma questa vi servirà a farvene una vostra», scriveva Prezzolini nei Consigli di un autodidatta che introducono questa storia tascabile delle letteratura: la sua tascabilità, infatti, consistendo non tanto nell'essere un resoconto agile e fresco di materie trattate troppe volte con eccessi di pesantezza specialismo e sussiego, quanto soprattutto nell'essere un susseguirsi di inviti alla lettura. È come se Prezzolini guidasse «uno studente, un ignaro, un semplice, un sincero verso se stesso» in un rapido viaggio lungo le strade della letteratura italiana, dal Cantico di Frate Sole a Moravia, indicando di volta in volta le caratteristiche più salienti e spiritose del paesaggio che scorre, nel caso in cui qualcuno, a suo comodo e in tutta libertà, vi volesse poi tornare per soggiornarvi alquanto o molto o per sempre. E la sensazione è quella di una lezione di scetticismo e di libertà critica. Di un invito, appunto, a non fidarsi di altro che del proprio piacere e giudizio, mediante l'indicazione dell'appiglio che questi potrebbero trovare nei diversi scrittori delle stagioni letterarie . E il «non fidarsi» che fu la chiave della vita di artista e uomo libero di Prezzolini, richiede una quota di iconoclastia e una rischiosa libertà, due spiriti che circolano in questa sintesi aleggiante su sette secoli di cultura letteraria.

2002

La memoria n. 553

164 pagine

EAN 9788838918049

Non disponibile

Autore

Giuseppe Prezzolini (1882-1982) tra le coscienze critiche della storia letteraria e civile del paese, da cui i suoi scritti sono inestricabili, fondò e diresse riviste quali «Il Leonardo» e «La Voce», collaborò a giornali «Il Borghese», «Il Tempo», «La Nazione» e pubblicò un gran numero di opere, di filosofia, di critica, saggi polemici, libri di viaggio, biografie e memorie, tra cui memorabili: Vita di Nicolò Machiavelli fiorentino (1927), Repertorio bibliografico della storia e della letteratura italiana (1936-46), L'italiano inutile (1954), Maccheroni e C. (1957), Il tempo della «Voce» (1961), Il manifesto dei conservatori (1972), Diario 1900-1941 (1978) e pubblicati da questa casa editrice Cristo e/o Machiavelli (2004), Modeste proposte scritte per svago di mente, sfogo di sentimenti e tentativo di istruzione pubblica degli italiani (2006).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy