Storia vera e non vera di Chaim Birkner

Storia vera e non vera di Chaim Birkner

Traduzione dal tedesco di Margherita Carbonaro
Titolo originale: Die vier Ohnmachten des Chaim Birkner

Da Budapest a Tel Aviv, dal 1930 ad un futuro prossimo, la storia di un antieroe che lascia un paese sempre più estremista e decide di tornare a vivere in Europa sulle tracce del suo passato.
L’esordio letterario del direttore d’orchestra di fama internazionale Omer Meir Wellber, direttore musicale della Fondazione Teatro Massimo di Palermo.

In un futuro prossimo, Chaim Birkner, che è stato un undicenne nel 1941 quando la furia hitleriana si era rivolta verso est, sta per compiere centootto anni. È l’uomo più vecchio di Israele, forse l’ultimo che sia stato contemporaneo della Shoah. Così lo vogliono celebrare, ma rifiutandosi a tutti e scandalizzandoli, decide d’impeto di tornare nella città natia. Questo accende in lui la visione di ciò che gli è successo in quasi un secolo. Accumula, accosta e sovrappone ricordi, andando avanti e indietro nel tempo, in un modo che è spesso ironico, a volte ingannevole, ma sempre lucido.
Ebreo di Budapest, qui aveva vissuto adolescente il più puro amore della sua vita, qui aveva compiuto, guidato dal padre, il gesto più eroico, qui aveva conosciuto il legame ambiguo della famiglia con il ghetto ungherese.
Da Budapest il padre lo aveva fatto fuggire in Palestina, in un modo, però, che gli toglieva il diritto sincero di dirsi una vittima. Dopo, la vita: il kibbutz, il matrimonio, lo strappo da entrambi, i lavori saltuari, gli imbrogli, le altre donne, i tanti incontri, i nascenti contrasti tra chi era venuto fuggitivo dal vecchio mondo e chi invece nella nuova terra di Israele era nato; ma soprattutto le molte verità via via sorprendenti, sempre trionfanti sulle illusioni, sugli equivoci beffardi, sui tanti fatti reputati certi. Gli enigmi irrisolti di una vita: da essi il desiderio di tornare e, pietosamente, di raccontare.
Un romanzo coraggioso anche nella sua costruzione, scritto da un intellettuale israeliano musicista di fama mondiale, che non narra solo l’avventura esistenziale di un uomo segnato dalla colpa di essersi salvato, ma comprende anche significati molto scomodi, con evidente riferimento alla parabola dello stato di Israele da una vocazione aperta e piena di speranza verso un fondamentalismo religioso esclusivo.

 

2021

La memoria n. 1185

248 pagine

EAN 9788838940989

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Omer Meir Wellber, nato in Israele nel 1981, è direttore musicale del Teatro Massimo di Palermo, direttore principale dell’Orchestra Filarmonica della BBC, e dal 2022 sarà direttore musicale della Volksoper di Vienna. Ha pubblicato La paura, il rischio e l’amore. Momenti con Mozart (2017, scritto con Inge Kloepfer).

Eventi

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy ▽

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l’informativa sulla privacy ▽