Sul riso e la follia

Sul riso e la follia

Lingua originale: francese
Traduzione di Anna Zanetello
Titolo originale: Sur le rire et la folie
A cura di Yves Hersant

Erroneamente attribuite a Ippocrate, queste lettere, tra i testi più affascinanti sull'ambiguità della follia, offrono «un raro esempio di romanzesco nella letteratura medico-filosofica» (Yves Hersant).

Queste lettere - tratte dal tomo IX delle opere complete di Ippocrate nell'edizione di E. Littré (Parigi, 1861) - formano un trattato dell'antichità sulla «mania» e «l'umor nero», discutendo in particolare il «caso clinico» del filosofo Democrito (e della leggenda della pazzia ridente di Democrito, come del tema della melanconia, costituiscono documento tra i più frequentati). Ma non furono scritte dal medico greco del V secolo: apocrife, lette e rilette diversamente dal Cinquecento in poi (e più recentemente da interpreti che vanno da Cabanis a Starobinski), per mescolanza di generi e invenzioni, offrono «un raro esempio di romanzesco nella letteratura medico-filosofica».

1991

Il divano n. 19

104 pagine

EAN 9788838906855

4ª edizione

Non disponibile

Autore

Ippocrate, medico di Kos, che per primo condusse la medicina dal mito al metodo scientifico, visse tra il 460 e il 370 a.C.. Questa casa editrice ha pubblicato Sul riso e la follia (1991).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy