La trappola colorata

La trappola colorata

Nota di Ermanno Paccagnini

L'unico poliziesco «futurista». Strampalata, audace, paradossale e caustica parodia del giallo deduttivo da camera chiusa, da parte del poeta e umorista Folgore (1888-1966).

Il dimenticato Folgore, dopo un inizio nel Futurismo, che gli servì per nutrire di iconoclastia la sua vena di umorista, dedicò la sua scrittura alle caricature di luoghi comuni letterari e meno, di vanità di narratori e poeti: e per misurarne il grado di graffiante comicità basti ricordare che egli per un certo tempo collaborò nell'officina di Petrolini. Attuava, con quanto di tronfio, di gonfio, di falso trovava nelle mode culturali (e oggi diremmo: nei consumi culturali), la teoria, in fondo malinconica e pessimistica, degli occhiali, da usare «non per illuderci, ma per guardare la realtà attraverso vetri rosa, vetri verdi, vetri gialli, con l'unica mira di applicare alla natura una tinta comica, che improvvisa contrasti impensati e analogie bizzarre». Qui è il poliziesco deduttivo, alla Sherlock Holmes che in quegli anni Trenta arrivava in Italia, ad essere rivoltato nel suo grottesco. Gli elementi ci sono tutti: dal detective inglese infallibile e presuntuoso (si chiama Tip), al suo bolso Watson che fa voce narrante, e aristocratici lord, fanciulle irresistibili, poliziotti incapaci e giornalisti impiccioni, gangster, cinesi, fantasmi, vampiri e serpenti velenosi; l'intreccio è da «giallo della camera chiusa» con immancabile convocazione finale di tutti i personaggi per spiegare l'enigma, ma movimentato da altre situazioni: morti sospette, rapimenti e inseguimenti, travestimenti, colpi di scena. E su tutto cade una tempesta di giochi di parole, di freddure, di parodie, di comicità dell'assurdo utili a demistificare un genere che serve, secondo Folgore, a persone che «per aver letto dei romanzi che non fanno dormire, credono di essere veramente svegli».

Autore

Luciano Folgore, pseudonimo di Omero Virgilio Cesare Francesco Vecchi (1888-1966), poeta futurista, poi autore di una poesia e una narrativa giocosa e parodistica, e di opere destinate all'infanzia (nonché per la radio e la televisione). Scrisse tra l'altro: La città dei girasoli (1924), Nuda ma dipinta (1924) e, per il teatro, Allegria col divertimento (1940) e Piovuta dal cielo (1941). La trappola colorata è del 1934.

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy