Tubì, tubì

Tubì, tubì

Layla e Andrea. Una bambina e una donna tengono questo diario a due voci, pagine che si alternano e si sorreggono a vicenda. Due sofferenze che all’inizio procedono come rette parallele ma che poi si incontrano e fondendosi si fanno solitudini meno dolorose.

«Ho cinque anni. Tutti i pomeriggi vado a nascondermi nella cantina sotterranea della nonna. Mi chiamo Layla. A mio padre piaceva la chitarra. La sapeva anche suonare, le dita gli galoppavano su e giù per le corde, velocissime. “Layla” era la sua canzone preferita, la suonava sul balcone con un sigaro in bocca, che faceva un odore cattivo ma squisito, battendo il piede sul pavimento e tenendo un occhio un po’ socchiuso per via del fumo. La mamma non la suona bene come papà, e nemmeno lo stereo».

Layla e Andrea, una bambina senza amici, una ragazza che non vuole vivere: il romanzo è raccontato da queste due voci ed è la storia, con tutte le peripezie e i personaggi d’intorno, del reciproco salvataggio, di come la bambina poté riportare la ragazza che non voleva nulla sulla riva dell’essere.Tubì, to be.
Neige De Benedetti ha pubblicato finora libri di fotografia (La notte di Mattia e Doppio rosso) ed ha una prosa che riesce a dare il senso della incantata profondità e della quieta disperazione.

2014

Il divano n. 295

220 pagine

EAN 9788838931468

2ª edizione

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy