Tutti dicono Germania Germania

Tutti dicono Germania Germania

Nota di Leonardo Sciascia
Postfazione di Aldo Gerbino

Stefano Vilardo trasforma in canto corale tante storie di piccoli comuni eroi: sono contadini  e minatori che, tra gli anni Cinquanta e Settanta, fuggivano dalla Sicilia alla volta della  Germania. E questi versi parlano davvero una lingua universale, quella del dolore e della fatica, ma anche della nostalgia e degli affetti.  Una Spoon River  nostrana. Una voce desolata e potente.

Un’epopea, se non l’unica del popolo italiano certo la più travolgente di vite individuali e destini di comunità, è stata l’emigrazione di milioni di lavoratori; mai celebrata a livello ufficiale e nemmeno dalla cultura di popolo o di massa, e che rischia oggi la completa rimozione dal sentimento comune a causa della trasformazione dell’Italia da terra di bastimenti che partivano a meta di immigrati stranieri. Perciò raramente si trovano, nella storia della letteratura italiana, esempi di storie di emigranti. Uno di questi pochi, il poema triste di Vilardo che agli inizi degli anni settanta, dalle colline della sua Delia nel cuore della Sicilia, trasformava in canto corale tante storie di piccoli comuni eroi. Una Spoon River siciliana di cui Leonardo Sciascia scriveva, nella prima edizione per l’editore Garzanti: «Vilardo è nato a Delia, in provincia di Caltanissetta, e a Delia è vissuto per tanti anni, insegnando nelle scuole elementari. Poeta, per così dire, in proprio (un paio di volumetti pubblicati in edizione limitata: poesie di idillio, poesie d'amore), ad un certo punto si è dato a raccogliere e ricreare queste storie (alcune ne ha pubblicate sul numero 15, luglio-settembre 1969, di "Nuovi argomenti"). E non è stata un'operazione facile. Per quanto, leggendole, non sembri, la mediazione del poeta c'è stata. La ricreazione, appunto. E che non sembri, è il maggior merito di questo libretto».

2007

La memoria n. 718

168 pagine

EAN 9788838922183

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Nato a Delia (Caltanissetta) nel 1922, Stefano Vilardo ha pubblicato le raccolte di poesia I primi fuochi (1955), Il frutto più vero (1960) e Gli astratti furori (1988), e lo studio etnologico Il paese del giudizio (1977). Come narratore ha pubblicato, con Sellerio, Una sorta di violenza (1990), Uno stupido scherzo (1997), Tutti dicono Germania Germania (2007) e A scuola con Leonardo Sciascia (2012).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy