Una provincia sulla Vistola

Una provincia sulla Vistola

Lingua originale: polacco
Titolo originale: Stankiewicz
A cura di Alberto Zoina

La storia vera di un ufficiale polacco che serve nelle truppe dello zar di Russia.

Per i luoghi - le regioni al di là della Vistola - e per l'epoca - da fine Ottocento agli anni della guerra civile contro la rivoluzione russa - questo racconto d'esordio (1984) del polacco Rylski è classificabile tra i racconti storici. In realtà la storia, che lo circonda e lo permea, è sfumata nell'indifferenza, ed è ricordata la vicenda, autentica nel fondo, di un uomo oscuro, l'ufficiale zarista e poi «bianco» Stankiewicz: opaco alle passioni, persino a un odio, insieme familiare e patriottico, che il caso coltiva e riaccende per tutta una vita e rende debole ragione di quella vita. Un'oscurità, un'apatia che serve al polacco Rylski per demistificare il patriottismo retorico; ed è in generale di grande vigore evocativo del modo in cui l'Europa del Novecento ha preparato la sua meccanica di fango e di sangue.

Autore

Eustachy Rylski (1945), esponente della nuova generazione della letteratura polacca, ha scritto oltre a questo libro: Powrót (Il ritorno, 1984), Tylko chlód (Sola la freddezza, 1986), Refren (Ritornello, 1986), e Dziewczynka z hotelu (La ragazza dell'albergo, 1986).

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy