Per una storia della mia casa

Per una storia della mia casa

Lingua originale: inglese
Titolo originale: Crude Hints towards an History of my House
A cura di Caroline Patey
Con uno scritto di Helen Dorey del Sir John Soane's MuseumTraduzioni e nota di Francesca Cuojati

Occorreva l’incontro tra un’epoca di transizione – neoclassica, gotica e moderna al contempo – e la penna di un poeta-architetto illusionista e visionario per dare vita a uno dei documenti più curiosi della storia dell’architettura e del collezionismo, Per una storia della mia casa. Architetto geniale e pionieristico, la cui cifra si coglie persino nelle rosse cabine telefoniche inglesi – memori del monumento funebre della moglie – John Soane (1753-1837) scrisse di getto questo libro nel 1812, mentre fervevano i lavori di ristrutturazione e ampliamento della sua casa a Lincoln’s Inn Fields. Stava nascendo la casa-museo offerta da centosettanta anni allo sguardo meravigliato di visitatori illustri e ignoti, stregati da luci e spazi misteriosi come dall’intimo rapporto tra casa e collezione, pensate una per l’altra e cresciute insieme. Come a descriverne una progettazione a ritroso o a proiettarla in un futuro fantascientifico, Soane immagina la sua casa come un cumulo di rovine e ne interroga il passato con modi e domande da archeologo: cosa sarà stata mai, un tempio, un cimitero, un convento, il covo di un mago? Dalle pagine del breve racconto affiorano le preoccupazioni professionali dell’uomo di mestiere, curioso di decifrare struttura e disegno originale della casa e in essa di rinvenire la funzione degli spazi e il senso delle decorazioni. Ma tra le righe s’insinua il privato romanzo dell’autore, generoso, iracondo, riverito eppure spesso osteggiato e ferito, a disegnare un suo originalissimo ritratto. Con Per una storia della mia casa, John Soane ha consegnato al futuro un’autobiografia in forma di casa e, viceversa, una casa in forma di autobiografia.

2010

La nuova diagonale n. 82

132 pagine

EAN 9788838923425

Autore

Nato nel 1753, figlio di un muratore, John Soane ebbe una carriera fitta di successi e difficoltà. Dopo l’apprendistato giovanile presso George Dance e Henry Holland e il premio della Royal Academy che gli consentì di compiere il consueto Grand Tour tra Francia, Svizzera e Italia, gli anni londinesi di Soane scorrono tra tensioni istituzionali, dispiaceri personali e committenze prestigiose: tra le altre, quelle della Banca d’Inghilterra, vero e proprio laboratorio dell’architetto maturo, del Chelsea Hospital e della pinacoteca di Dulwich. Quando muore, nel 1837, John Soane lascia all’architettura un’opera geniale e multiforme, agli studiosi il patrimonio prezioso delle sue lezioni appassionate e di una ricchissima biblioteca, all’amatore d’arte e al collezionista una casa-museo di straordinarie intensità e suggestione, e ai suoi colleghi del Novecento o del terzo millennio un modello con il quale non si può oggi fare a meno di dialogare.

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy