Gli uomini che non si voltano

Gli uomini che non si voltano

Placido, l'idealista; Silvestre, l'arrivista; e Aurelio, l'eroe su cui si concentra il dilemma da tragedia classica. Tre amici si ritrovano per indagare su di un caso di lettere minatorie. Un romanzo nero che una scrittura brillante rende davvero irresistibile.

«Il potere, per chi del potere ha cura, non si può in alcun modo trasgredire» questa epigrafe, dall’Antigone di Sofocle, aleggia come una sentenza del destino sulla storia di tre amici. Placido, l’idealista; Silvestre, l’arrivista; e Aurelio, l’eroe su cui si concentra il dilemma da tragedia classica tra la libertà individuale e la prescrizione del Fato. Hanno vissuto insieme a Palermo, al Liceo e all’Università, gli anni del Movimento della Pantera e l’Antimafia dopo la stagione delle stragi. Placido ha seguito quella che credeva essere una coerente traiettoria, è diventato poliziotto ed è rimasto incastrato in un processo infamante. Silvestre ha fatto il giornalista e si è decisamente asservito ai potenti. Aurelio ha ereditato la ragnatela di dominio del padre; senza vocazione e attitudine a dominarla, è stato eletto parlamentare di media forza con un partito di potere. Anni dopo, i tre si ritrovano. Portano ricordi comuni e delusioni reciproche, strascichi di amori finiti, importanti figure femminili nel loro presente. Ma lo scopo del ritrovato sodalizio è indagare su di un caso banale di lettere minatorie. Un fascicolo di carte che si gonfia di documenti più remoti, che tutti presto si dimostrano essere lo strumento di un trama. Una cospirazione ignota per stringere Aurelio al suo dilemma tragico: seguire il potere alle cui cure s’è legato o trasgredirne le leggi? Ma in realtà la chiave tragica, da Antigone, è solo di superficie o forse addirittura una falsariga voluta. Un serie di svolte, personaggi sinistri dalla complessa psicologia, un’aderenza accurata agli scenari della vita politica, soprattutto un suicidio che sembra un omicidio o viceversa (e che comunque indirizza verso la testa del serpente) svelano Gli uomini che non si voltano come un attuale romanzo nero, più nero di un poliziesco di cui sembra prendere l’inclinazione e di cui conserva la velocità. Un romanzo sul nero della politica oggi, e dei suoi delitti senza rimorso che appaiono giustificabili per la loro accettata ineluttabilità. E quindi un romanzo su un modo dell’oggi che abbiamo da poco scoperto: la disperazione della politica moderna. 

2006

La memoria n. 695

288 pagine

EAN 9788838921636

Formato e-book: epub

Protezione e-book: acs4

Autore

Gaetano Savatteri (Milano, 1964), cresciuto in Sicilia, vive e lavora a Roma. Con questa casa editrice ha pubblicato: La congiura dei loquaci (2000, 2017) La ferita di Vishinskij (2003), Gli uomini che non si voltano (2006), Uno per tutti (2008), La volata di Calò (2008) e La fabbrica delle stelle (2016).

Altri titoli in catalogo

Suggerimenti

Chi ha consultato la pagina di questo libro ha guardato anche:

X

Suggerisci il libro ad un amico

Caro lettore, inserisci i tuoi dati e quelli di una persona alla quale desideri inviare questa segnalazione. Puoi inoltre aggiungere un messaggio per personalizzare la e-mail.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Inviaci la tua recensione

Caro lettore, se desideri puoi inviarci la tua recensione di questo libro e condividerla con altri lettori.
I contenuti inseriti in questa pagina saranno pubblicati sul sito nei prossimi giorni, previa valutazione dell'editore.

Massimo 1800 caratteri

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy

X

Scrivi all’autore

Cari lettori, se volete scrivere ad uno dei nostri autori saremo lieti di inoltrare le vostre lettere.
Tuttavia, vi ricordiamo che non possiamo assicurarvi una risposta.

Leggi e accetta l'informativa sulla privacy